Spia l'ex marito
con le telecamere
nascoste in casa

Una microtelecamera come quelle usate dall'imputata. ARCHIVIO
Una microtelecamera come quelle usate dall'imputata. ARCHIVIO
D.N.06.12.2019

VICENZA. Una vicentina di 46 anni dovrà comparire in tribunale per difendersi dall’accusa di indebita interferenza nella vita privata altrui. Dopo la fine del matrimonio, il marito era rimasto a vivere nella casa coniugale; lei, prima di lasciarla, avrebbe installato tre microtelecamere collegate ad un cellulare per riprendere cosa avveniva in alcune stanze e per trasmettere le immagini ad un computer. Voleva avere prove utili nella causa per il divorzio, ma il tentativo di spiare l’ex si è rivelato al momento un autogol.