Per il Bacchiglione
resta l'allerta
Ma il livello cala

Il Bacchiglione a ponte degli Angeli. COLORFOTO
Il Bacchiglione a ponte degli Angeli. COLORFOTO
15.11.2019

AGGIORNAMENTO ORE 23.45

Il livello del Bacchiglione cala, scongiurata l'onda di piena prevista per la mezzanotte di oggi, sulla base del modello scientifico adottato dal Centro funzionale della Regione.

La rilevazione effettuata stasera alle 23 ha stimato, infatti, un livello di 436 centimetri del fiume; al di sotto del picco massimo registrato un'ora prima, alle 22, di 443 centimetri. 

Resta, comunque, l’allerta per la rete idraulica principale in attesa del nuovo bollettino di domani mattina, sabato 16 novembre.

 

AGGIORNAMENTO ORE 20,30.

Il livello del Bacchiglione continua a salire. L'ultima rilevazione, effettuata stasera alle 20.30, ha segnato i 423 centimetri.

L'onda di piena è prevista per mezzanotte, ora in cui il Centro funzionale della Regione ha stimato, fin dal pomeriggio un livello di 4,54 metri; appena sotto la seconda soglia di allarme.

 

BOLLETTINO ORE 18.30 

L’ultimo bollettino del Centro funzionale decentrato della Regione Veneto emesso oggi alle 14 prevede precipitazioni diffuse e persistenti. Dopo una pausa senza fenomeni significativi, dal pomeriggio e sera di sabato e fino al pomeriggio di domenica è probabile una nuova fase di maltempo

 

A seguito dell’incontro del Centro coordinamento soccorsi avvenuto in Prefettura, il Coc (Centro operativo Comunale) si è riunito nuovamente alle 17 nella sede di Aim. Il sindaco Francesco Rucco, insieme al vicesindaco Matteo Tosetto e all'assessore con delega alla protezione civile Mattia Ierardi con i tecnici e i dirigenti comunali hanno deciso di inviare un sms ai cittadini iscritti al servizio per avvisare preventivamente: “Stato di attenzione maltempo. Monitoraggio costante dei fiumi da parte del Centro operativo comunale. Seguiranno aggiornamenti”. Il Comune invita chi non lo avesse ancora fatto a iscriversi al servizio “Sms di allarme”. Per registrarsi è necessario mandare un messaggio sms con il proprio nome, cognome e indirizzo al numero 3927338475. In caso di emergenza gli iscritti al servizio riceveranno informazioni sull'evoluzione della situazione.

 

Le scuole della città domani, sabato 16 novembre, rimarranno aperte.

 

Viacqua ha posizionato l’attrezzatura per installare le idrovore, nel caso in cui fosse necessario, in largo Goethe, in zona Stadio e in via Leoni.  Inoltre, è a disposizione un auto-espurgo che interverrà in città in caso di necessità. In alcuni punti sono state posizionate le transenne utili per delimitare la chiusura delle strade, nelle zone più sensibili, nel caso si verificassero allagamenti. Aim Amcps ha posizionato, in via cautelativa, i sacchi di sabbia in sei punti della città, come previsto dal Piano comunale di emergenza: nel piazzale della chiesa di Debba, in piazza Matteotti davanti all'ostello della gioventù, in via Natale del Grande, nei pressi della chiesa di San Pietro in Trigogna, in via Sardegna e in viale Fusinato. Il Comune invita la cittadinanza a prelevare i sacchi di sabbia solo in caso di dichiarata necessità.

 

La protezione civile comunale continua l’attività di monitoraggio della situazione avviata in mattinata. Aim Ambiente sta effettuando controlli sul territorio per intervenire in caso di necessità. Si segnalano alcuni allagamenti: chiuso il sottopasso di via Colombaretta

 

LA SITUAZIONE ALLE 14

Continuano le forti precipitazioni nel Vicentino e aumenta la preoccupazione per il Bacchiglione, la cui piena, secondo il Centro funzionale della Regione, è attesa in città per mezzanotte.

 

Secondo il nuovo bollettino, emesso alle 14, l’allerta per la rete idraulica principale è passata da arancione a rossa. Il livello del Bacchiglione è, infatti, cresciuto nelle ultime due ore fino a raggiungere i 264 centimetri alle 14. La rilevazione alle 11:30 segnava 157 centimetri.

 

Secondo il modello scientifico adottato dal Centro funzionale della Regione, la piena prevista per il Bacchiglione è di 4,54 metri a mezzanotte; un livello appena sotto la seconda soglia di allarme.

CORRELATI