Giugno da record
Sfiorati i 40 gradi
Ed è allerta ozono

L'ondata di caldo proseguirà per tutta la settimana
L'ondata di caldo proseguirà per tutta la settimana
Alessia Zorzan27.06.2019

VICENZA. Ore 16.45. Record storico di caldo a Vicenza e in molte altre località della provincia, anche in quota. In città si è segnato, oggi pomeriggio, il record storico di temperatura per il mese di giugno negli ultimi cento anni; emerge dalle statistiche di Serenissima Meteo.

Alle ore 15 la stazione meteorologica Arpav di Sant'Agostino segnava 39,4 gradi. Molte altre stazioni sul territorio hanno segnato record storici e ne saranno infranti altri fino ad oltre le 17,17.30.

 

I valori di ozono registrati alle 14 dalla stazione Arpav (località Ferrovieri) sfioravano i 240 microgrammi per metro cubo; la fascia di riferimento dell'allerta è al confine tra aria scadente e pessima.

 

Ore 8. L'ondata di calore raggiungerà oggi il suo picco più alto, tanto che potrebbe venir infranto il tetto dei 38 gradi, record saldamente in mano dal 2003, trasformando il giugno 2019 nel più caldo di sempre.

 

Oltre alla temperatura, c'è anche l'ozono da tenere sotto controllo.  Ieri infatti i livelli dello "smog estivo" hanno superato la soglia di informazione fissata a 180 microgrammi al metro cubo in sette centraline della rete Arpav. Nel Vicentino diversi gli sforamenti, con 186 microgrammi al metro cubo a Vicenza, 195 ad Asiago, 190 a Bassano e 189 a Schio. Condizioni che consigliano di ridurre l’esposizione all’aperto e di non svolgere intensa attività fisica, soprattutto per le persone più sensibili, tra cui bambini, anziani, donne in gravidanza, persone con problemi polmonari e cardiaci.  

La Regione, visto le giornate da bollino rosso, ha proclamato lo stato di allerta climatica per il disagio fisico. Disagio che non risparmia certo la provincia berica, che anzi ieri ha segnato anche il primato della giornata: secondo i dati Arpav infatti è stata Valdagno la città più calda del Veneto con 35,9 gradi di massima.

 

E che il caldo sia intenso, lo si vede anche dai contatori delle abitazioni dei vicentini, dove si sono toccati i picchi annuali. Martedì si è registrato il consumo massimo d’acqua dall’inizio del 2019 con 38.707 metri cubi erogati in città. Sul fronte energia elettrica, sempre ieri, verso le 17, si è toccato il picco della settimana - fanno sapere da Sar-Aim - con circa 91 megawatt. 

1 2 3 4 5 6 >