Elezioni Comunali
Affluenza al 67,5%
Spoglio dalle 14

Oggi si vota fino alle 23. (FOTO STELLA)
Oggi si vota fino alle 23. (FOTO STELLA)
26.05.2019

ore 2.15 Arrivato il dato definitivo dell'affluenza nel Vicentino: per quanto riguarda le elezioni europee ha votato il 66,25% (114 Comuni), in linea con quanto avvenuto cinque anni fa (66,94%); per le Comunali si è invece recato alle urne il 67,51% (80 Comuni).

Dalle 14 di lunedì 27 maggio inizierà lo spoglio per le Comunali.

 

ore 00 Non è ancora arrivato il dato ufficiale dell'affluenza nel Vicentino, ma si attesta al 66,20% per quanto riguarda le Europee e al 67,47% per le Comunali. 

Questo il dato definitivo dell'affluenza nei cinque maggiori Comuni chiamati ad eleggere il sindaco nel Vicentino. A Bassano ad aver votato è stato il 63,9% degli elettori, a Schio il 65,04,%, a Montecchio Maggiore il 64,56%, ad Arzignano il 70,01% e a Valdagno il 64,97%. 

 

ore 23 Hanno chiuso alle 23 i seggi per l'elezione degli eurodeputati componenti del Parlamento europeo spettanti all'Italia. In 80 Comuni del Vicentino oggi si è votato anche per i sindaci e i consigli comunali. Subito dopo la chiusura dei seggi, ha inizio lo spoglio delle schede partendo da quelle per le europee. Domani alle 14 inizierà quello per le Comunali.

Elezioni europee: alle 23 nelle 112 sezioni del Comune di Vicenza hanno votato 51.552 elettori, pari al 60,99% degli aventi diritto.

 

ore 19 AFFLUENZA. Elezioni Europee: alle 19 nei seggi del Vicentino risulta aver votato il 52,03%. Alle Amministrative l'affluenza alle urne è stata del 54%.

 

AMMINISTRATIVE. Nel Vicentino la percentuale dei votanti alle 19 è stata del 54%. A Bassano ad aver votato è stato il 51,61% degli elettori, a Schio il 53,16,%, a Montecchio Maggiore il 51,82%, ad Arzignano il 55,63 e a Valdagno il 52,19%. 

L'affluenza maggiore di votanti alle 19, in provincia, si è registrata a Gambugliano e Zanè (62%).

 

Alle 19 erano dodici, su 16, i Comuni con un solo candidato sindaco che hanno superato il fatidico 50% di elettori, per non rischiare il commissariamento. Questa la situazione Campiglia 52,48%, Carrè 51,13%, Castegnero 48,91%, Fara 54,42%, Grumolo 55,47%, Monte di Malo 58,42%, Montebello 55,56%, Montecchio Precalcino 58,54%, Pianezze 53,98%, San Pietro Mussolino 59,38%, Schiavon 49,72%, Solagna 49,42%, Valli del Pasubio 45,07%, Villaga 51,14%, Zovencedo 54,35%, Zugliano 55,11%.

 

EUROPEE. A Vicenza, la percentuale dei votanti per le Europee, alle 19, nelle 112 sezioni, era del 46,91%. In Provincia risulta aver votato il 52,03%

 

In Italia l'affluenza alle urne è del 43,85% (42,15 il precedente risultato). In Veneto del 49,49% (45,78).

 

I seggi rimarranno aperti fino alle 23 di questa sera. I prossimi dati relativi al totale dei votanti saranno pubblicati alle 23. Seguirà lo spoglio che si potrà seguire in diretta online sul sito web del GdV.

 

ore 12 . Secondo i dati appena diffusi dal Viminale, alle 12 l'affluenza alle urne del Vicentino per le Europee è del 21,07 per cento. Alle scorse elezioni era stata del 20,16%.

I cittadini dalle 7 di questa mattina stanno votando negli 853 seggi per eleggere il nuovo Parlamento europeo e per scegliere chi governerà negli ottanta comuni della provincia.

 

AMMINISTRATIVE. Nel Vicentino la percentuale dei votanti alle 12 è stata del 22,03%. A Bassano ad aver votato è stato il 22,11% degli elettori, ad Arzignano il 22,88%, a Schio il 22,64%, a Montecchio Maggiore il 21,24% e a Valdagno il 20,92%. 

 

EUROPEE. A Vicenza, la percentuale dei votanti per le Europee, a mezzogiorno, nelle 112 sezioni, era del 18,57%. Nei cinque comuni con più di 15 mila abitanti ad aver votato è stato il 22,89% degli elettori a Bassano, a Schio il 23,42%, a Valdagno il 21,71%, ad Arzignano il 22,89 e a Montecchio Maggiore 22,36%.

L'affluenza maggiore di votanti alle 12, in provincia, si è registrata a Pozzoleone (31,49%).

In Italia l'affluenza alle urne è del 16,62%. In Veneto del 19,63%.

 

OGGI ALLE URNE. Il giorno delle elezioni è arrivato. La chiamata alle urne vale per 704 mila vicentini che, con il voto di oggi, decideranno chi mandare in Europa per i prossimi cinque anni. Ma per 441.332 mila cittadini si tratta di decidere anche chi mandare a guidare il proprio comune. Visto che oggi, dalle 7 alle 23, i seggi – 835 in provincia e di questi 112 quelli nel capoluogo – saranno aperti sia per le elezioni europee che per quelle amministrative.


COMUNI AL VOTO. Sono 80 i comuni in cui oggi si voterà, 214 le liste in campo, in 16 centri della provincia è stata presentata solo una lista. E in corsa ci sono 168 candidati sindaci. Per sapere chi l'avrà spuntata occorrerà aspettare, visto che lo spoglio di queste elezioni amministrative scattarà domani a partire dalle 14. Questo vale per tutti ad eccezione dei cinque comuni più grandi, Bassano del Grappa, Schio, Valdagno, Arzignano e Montecchio Maggiore. In questo caso, infatti, non è detto che la partita si esaurisca con il voto di oggi. Nei centri sopra i 15 mila abitanti se nessuno dei candidati raggiungerà il 50 per cento più uno dei voti si andrà al ballottaggio.

 

Elezioni 2019 - Il vademecum (SCARICA)

 


L' EUROPA. Sovranisti contro europeisti. La sfida vera di queste elezioni sta tutta qui. Tra chi l'Europa la vuole cambiare e chi l' Europa la vuole smontare. E per 704.144 vicentini, 85.522 quelli del capoluogo, si tratta di scegliere da che parte stare in questa partita. Una partita che riguarda tutti, visto che il 70 per cento della nostra legislazione arriva da direttive comunitarie.
L'Italia eleggerà subito 73 rappresentanti, mentre altri 3 prenderanno posto al Parlamento europeo solamente in un secondo momento, quando il Regno Unito uscirà definitivamente dall'Unione europea. Quindici sono i seggi che verranno assegnati nella circoscrizione che comprende il Veneto e di cui fanno parte anche il Trentino Alto Adige, l'Emilia Romagna e il Friuli Venezia Giulia. I nomi in corsa sono 181, divisi in 17 liste. E 11 sono i candidati vicentini: Mara Bizzotto (Lega), Achille Variati e Alessandra Moretti (Partito democratico), Matteo Tosetto (Forza Italia), Sergio Berlato e Isabella Dotto (Fratelli d'Italia), Simone Contro (Movimento 5 stelle), Agostino Migliorini (Popolari per l'Italia), Giuseppe Cossalter (Partito pirata), Luisantonio Zanin (Partito animalista), Stefania Marcante (CasaPound-Destre unite).
Come sempre per votare, e questo vale per entrambe le elezioni, bisogna presentarsi al seggio con la tessera elettorale e un documento di riconoscimento valido. Chi non avesse più la tessera elettorale o avesse esaurito gli spazi a disposizione per il timbro può farla rinnovare all'ufficio elettorale del proprio Comune di residenza. Ovviamente si vota diversamente a seconda del tipo di elezione. Per quanto riguarda le europee l'elettore può votare un solo partito mettendo una croce sul simbolo e se vuole può esprimere fino a tre preferenze tra i candidati di quella lista. Ma, attenzione, se si scrivono tre nomi, almeno uno deve essere di genere diverso (ad esempio, due uomini e una donna) altrimenti la seconda e la terza preferenza verranno annullate.


 

IL DOPO-VOTO. Ogni elezione, si dice, fa storia a sé. Ma in realtà non è sempre così. E questo sembra valere, in particolare, per le elezioni europee. “La Lega chiede un voto per l'Europa o per aprire una crisi di governo?”, ha chiesto un paio di giorni fa il vicepremier grillino Luigi Di Maio, rivolto al suo pari grado leghista Matteo Salvini. Ecco, il punto sta proprio qui. E domani, forse, si capirà se le schermaglie e le divisione tra le due forze che stanno al governo sono state un gioco delle parti da servire in campagna elettorale o se l'esito delle europee ribalterà anche gli schemi della politica nazionale.
 

 

Il Giornale di Vicenza seguirà l'election day di domenica con una lunga maratona on line e con un ricco speciale elettorale sul quotidiano di carta. L'appuntamento è sul sito internet questa notte e per tutta la giornata di lunedì. Nell'edizione del giornale in edicola martedì 28 maggio uno speciale di 34 pagine con tutti i risultati e i commenti.

 

 

CORRELATI