Vademecum
nel momento
del disagio

Il magazzino - mascherine pronte per la consegna
Il magazzino - mascherine pronte per la consegna
R.T.01.04.2020

SCHIO. Riceviamo dal Comune di Schio e pubblichiamo. Per molte persone, in particolar modo gli anziani, questo periodo da trascorrere necessariamente a casa rischia di diventare molto più difficile da sostenere. La monotonia delle giornate senza poter incontrare amici e parenti così come il senso di disorientamento e il timore di fronte all'emergenza in corso possono portare a situazioni di solitudine e isolamento. Per far sentire le persone più fragili meno sole il comitato di Schio della Croce Rossa ha attivato l'iniziativa "Chiacchieriamo": tutti i giorni dalle 10 alle 12 e dalle 15 alle 19 i volontari del sodalizio scledense sono disponibili a conversare con quanti sentono il bisogno di una voce amica. Il numero da contattare è lo 0445529794. «Le necessarie misure restrittive per limitare la diffusione del virus e anche la paura causata dalla situazione possono provocare ansia, stress e tristezza nelle giornate di chi è più vulnerabile come gli anziani che rischiano di rimanere isolati - dice il Sindaco Valter Orsi -. Questo servizio, promosso dalla Croce Rossa locale, è di grande supporto e come Amministrazione ringraziamo tutti volontari che stanno mettendo a disposizione il loro tempo per il bene della comunità». E i volontari della Croce Rossa, assieme ai volontari delle associazioni d’arma scledensi (Gruppo Alpini, A.N.V.G, I.P.A e Artiglieri) e a quelli del gruppo Salsesiani, in questi giorni sono impegnati anche nella consegna della spesa e dei farmaci a domicilio alle persone anziane e con fragilità (per richiedere il servizio contattare il numero 0445691442, attivo dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 12.30). La consegna della spesa e dei farmaci avviene nel rispetto di tutte le norme in vigore al fine di preservare la salute di tutti. In questo periodo, poi, è importante ricordare che se da un lato rimanere in casa è fondamentale per mitigare la diffusione del virus, dall'altro la convivenza "forzata" tra le mura domestiche può trasformarsi ancora di più in una trappola per tante donne che subiscono maltrattamenti e abusi da parte dei loro partner. «Anche se i nostri uffici hanno accessi limitati al pubblico e solo per urgenze, il Centro Antiviolenza Sportello Donna "Maria Grazia Cutuli" di via Pasini è attivo per rispondere alle richieste di chi ha bisogno d'aiuto» ricorda l'assessore al sociale, Cristina Marigo. Il numero da chiamare è lo 0445691391 dal lunedì al venerdì (dalle 11 alle 13) oppure è possibile mandare una mail a sportello.donna@comune.schio.vi.it. Sempre attivo, inoltre, il numero nazionale gratuito 1522, raggiungibile da tutta Italia. Non mancano, inoltre, i servizi per la popolazione scledense relativi al supporto psicologico a distanza. La Fondazione Capta, con cui il Comune collabora da tempo, ha attivato uno spazio di ascolto gratuito on line dedicato a chi si trova in difficoltà nel gestire i risvolti di questa emergenza. Si può prenotare un appuntamento direttamente dal sito www.centrocapta.it : uno psicologo sarà a disposizione per una sessione in video conferenza in cui poter ricevere ascolto, sostengo e alcuni consigli utili per vivere la quarantena. Ma non è tutto: il Comune ha concordato con l’associazione EMDR di Vicenza un ulteriore servizio di sostegno psicologico gratuito a favore di chi, a seguito dell’isolamento obbligatorio, manifestasse un disagio. Il numero da contattare è il 3383470210. «Questi servizi sono messi a disposizione da delle realtà con cui collaboriamo su altre progettualità. I nostri servizi sociali hanno già individuato alcune persone più fragili che sono state indirizzate verso questo tipo di sostegno - conclude l'assessore Marigo -. Un sostegno che, soprattutto ora, può fare la differenza per quanti soffrono di solitudine, ansia per il futuro incerto o stress legato alle tensioni e ai conflitti nelle relazioni familiari. Per questo invito chi si trova in difficoltà a non esitare a chiedere aiuto».