Salvini a Schio
Bagno di folla
e contestazione

Matteo Salvini sul palco a Schio. FOTO ZILLIKEN
Matteo Salvini sul palco a Schio. FOTO ZILLIKEN
 
Karl Zilliken13.05.2019

SCHIO. Matteo Salvini divide Schio. In piazza Statuto centinaia di simpatizzanti leghisti si sono riuniti per ascoltare le parole del vice-premier a sostegno della candidata sindaco Ilenia Tisato; in piazza Rossi, invece, forte la contestazione di centri sociali, studenti e cittadini all'urlo di "Schio non si lega". La contrapposizione tra le due fazioni tiene massima l'allerta delle forze dell'ordine, dispiegate in massa.

Contestazione a Schio in attesa di Salvini. FOTO ZILLIKEN

Il vice premier è salito sul palco intorno alle 20.30 accolto dal grido "il nostro capitano". «Sull’Autonomia andremo fino in fondo» ha esordito Salvini. «E speriamo che gli alleati di governo - ha aggiunto - non sbandino un po' a sinistra». Poi l'affondo su un altro cavallo di battaglia, i migranti. «Finché ci sono io ministro i porti restano chiusi». «Se mi devono processare perché difendo la sicurezza del mio Paese lo facciano pure». 

 

Momenti di tensione nelle fasi conclusive del comizio e dai contestatori, che erano stati tenuti al di fuori di piazza Statuto, si è alzato forte il grido "buffone buffone".

CORRELATI