Furgoni rubati
e poi bruciati
per divertimento

Uno dei furgoni rubati e poi dati alle fiamme
Uno dei furgoni rubati e poi dati alle fiamme
Karl Zilliken12.02.2020

Dopo una serie di furgoni dati alle fiamme tra Torri di Quartesolo, Grumolo delle Abbadesse e Montegalda, i carabinieri avevano fatto scattare le indagini per capire se ci fosse in atto un sistema di estorsioni e invece hanno scoperto una scia di furti, ben 15, in attività commerciali edili.

I furgoni rubati dalle stesse ditte venivano utilizzati per fuggire e poi dati alle fiamme per puro divertimento.

E proprio gli incendi hanno tradito Massimo Tecchio, vicentino di 23 anni senza fissa dimora, che ha ricevuto un'ordinanza di custodia cautelare in carcere. Proseguono gli accertamenti per capire se ci siano complici.

 

CORRELATI