Cumuli di rifiuti
Famiglia nomade
ripulisce il Brenta

I sacchi con i rifiuti raccolti dai nomadi a Pozzoleone
I sacchi con i rifiuti raccolti dai nomadi a Pozzoleone
Francesca Cavedagna 17.07.2019

POZZOLEONE. Discarica attorno al campo nomadi, il sindaco convince la famiglia a bonificare l’area verde con le buone, ma precisa: «Sarà pace solo fino a che continueranno a rispettare le regole. Mi hanno chiesto se sono leghista, spiegandomi che “loro sono cattivi”. Gli ho detto che se sgarrano io lo diventerò di più».

 

Al centro dell’accordo c’è una famiglia di sinti stanziali da anni lungo le rive del Brenta, in Comune di Pozzoleone. I residenti delle case adiacenti l’area verde sono esasperati anche per le montagne di rifiuti che il gruppo matriarcale getta ovunque senza alcun ritegno. Così il neosindaco del paese, Edoardo Tommasetto, non avendo alcuna arma efficace per risolvere il problema in tempi stretti, sceglie la linea del dialogo, e convince la famiglia di nomadi a bonificare le rive del fiume. Loro hanno accettato e in due settimane di lavoro hanno raccolto decine di sacchi di spazzatura. È solo un primo passo, la strada della convivenza è ancora lunga, e irta di ostacoli.