Ecco la Giunta, bis per Fabris e Sebellin

Il sindaco Raffaella Campagnolo
Il sindaco Raffaella Campagnolo
Floriana Pigato 11.06.2019

Nove ha la sua nuova Giunta. A due settimane dalle elezioni che hanno confermato il centrosinistra alla guida della città della ceramica, il nuovo sindaco Raffaella Campagnolo ha presentato ieri sera i suoi assessori e consiglieri delegati durante il consiglio comunale d’insediamento, nella Sala convegni Maria Villanova e Giacomo Zanolli. Per i prossimi cinque anni il ruolo di vicesindaco - nella precedente Amministrazione ricoperto dalla Campagnolo a fianco dell’ex sindaco Luisetto - passerà a Diego Fabris, che continuerà a occuparsi anche di cultura, ambiente e agricoltura. Confermate dal precedente quinquennio anche le deleghe a Rachele Lucia Sebellin, che guiderà edilizia, lavori pubblici, urbanistica e protezione civile. Due, invece, i nuovi assessori: Rosa Scarpino, al timone di politiche sociali e pari opportunità, e Marco Baù, delegato all’istruzione e alle politiche giovanili. La squadra si completa con quattro consiglieri di maggioranza: il capogruppo Daniele Sartori, delegato alle attività produttive, Riccardo Zanolli allo sport, Francesca Fabris alle politiche per l’infanzia e alla famiglia ed Eleonora Tolio alle politiche per gli adulti e gli anziani. «Voglio occuparmi direttamente del personale e sopratutto del bilancio – commenta Raffaella Campagnolo - per tenere il polso della situazione e avere sempre la panoramica completa sulla programmazione. Inoltre, seguirò personalmente la questione dell’impianto a biomassa in quartiere Crosara e il cantiere del polo scolastico in costruzione, con il suo importante progetto di didattica da programmare». Si spartiscono le sedie dell’opposizione i quattro candidati delle due liste sconfitte: per la Lega Valter Marcon e Marco Carlesso, per la civica “Assieme per Cambiare” Remo Zaminato e Zeudi Marini. «Abbiamo già convocato la scorsa settimana tutti i consiglieri, anche delle minoranze – spiega Raffaella Campagnolo – per proporre il nostro schema di lavoro: ogni seconda settimana del mese convocheremo la commissione allargata per rendere partecipi le minoranze dello stato dei lavori, mentre il consiglio comunale sarà sempre fissato a fine mese, per dare a tutti la possibilità di organizzare al meglio gli impegni amministrativi con la propria vita personale. Il primo consiglio ordinario si terrà il 26 giugno». I primi lavori nel territorio novese che Campagnolo seguirà da sindaco partiranno già nel periodo estivo. «Procederemo subito con l’assegnazione dei lavori per la tensostruttura polivalente allo stadio comunale – dichiara - e con il completamento dell’asfaltatura in via Brenta. Entro l’anno a Nove sono previsti anche i lavori per la realizzazione della ciclopista del Brenta, finanziati dalla Provincia. Abbiamo molti progetti in programma, siamo già all’opera per trovare i fondi». Nel frattempo, ieri sera, Campagnolo ha fatto il solenne giuramento indossando la fascia tricolore. «Molto più di un passaggio formale – commenta il nuovo sindaco –: è un atto sostanziale, sottoscrive un impegno, verso i cittadini e il territorio, che voglio vivere con consapevolezza e responsabilità». • © RIPRODUZIONE RISERVATA

1 2 3 4 5 6 >