Valchiampo unita per l’anniversario della Liberazione

Il monumento ai Caduti.  M.P.
Il monumento ai Caduti. M.P.
M.P. e G.Z. 25.04.2019

È Chiampo quest’anno a ospitare la commemorazione di vallata del 25 Aprile, festa della Liberazione, con i Comuni di Altissimo, Arzignano, Chiampo, Crespadoro, Gambellara, Montebello, Montorso, Nogarole, San Pietro Mussolino e Zermeghedo. Oggi alle 9 ammassamento in piazza Zanella; alle 9.30 alzabandiera e deposizione di una corona al monumento ai Caduti, davanti al municipio; alle 9.45 corteo verso la chiesa parrocchiale, percorrendo via Volta, via B. Isnardo, via Zanella e via S. Martino, con la partecipazione anche rappresentanti di associazioni combattentistiche e d’Arma; alle 10 il parroco don Vittorio Montagna celebrerà la messa; poi in piazza Zanella saluto e orazione del sindaco di Chiampo Matteo Macilotti (in caso di maltempo in auditorium). Sfilata e cerimonia accompagnate dalla banda musicale di Gambellara. A Montecchio invece alle 9.15 ritrovo davanti al municipio, alle 9.45 alzabandiera e deposizione corona, alle 10 trasferimento al monumento in via Lorenzoni, con sosta e deposizione di una corona ai piedi della lapide dedicata ai caduti del 9 maggio 1945 nella scuola materna “Dolcetta”; messa al campo (in caso di pioggia nel duomo di Santa Maria e San Vitale). Nelle frazioni castellane: alle 9 cerimonie in piazza San Paolo ad Alte, alle 10 a Valdimolino, alle 10.30 a Ss. Trinità e alle 11 a Sant’Urbano. L’Anpi prosegue le celebrazioni domenica 28 con una passeggiata della memoria con ritrovo alle 14.30 alla chiesa vecchia di Sant’Urbano. Martedì 30, in sala civica Corte delle Filande, alle 20.30, conferenza di Sonia Residori su “La liberazione nel vicentino”. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

1 2 3 4 5 6 >