La sfida di Macilotti «Emissioni nocive abbattute del 40%»

Una veduta dall’alto del territorio comunale di Chiampo.  PIEROPAN
Una veduta dall’alto del territorio comunale di Chiampo. PIEROPAN
Matteo Peropan 23.04.2019

Chiampo ridurrà del 40% le emissione di Co2 entro il 2030. Così è stabilito nel Piano d’azione per l’energia sostenibile e il clima, approvato in consiglio comunale. È uno strumento per programmare le azioni future: da un lato contribuendo a diminuire le emissioni inquinanti in atmosfera, dall’altro preparando il territorio ad assorbire gli shock che i cambiamenti climatici porteranno. Un lungo iter iniziato nel 2008. «Siamo giunti in anticipo ad approvarlo rispetto ai tempi che ci eravamo fissati - spiega l’assessore all’ambiente Massimo Masiero - grazie a un grande lavoro dei tecnici, al dialogo e alla sinergia con le categorie coinvolte». Previsti investimenti di 3 milioni e mezzo per interventi di riqualificazione energetica del patrimonio pubblico, realizzazione piste ciclabili e incentivi a privati. La grande novità riguarda la mappatura degli edifici. Attraverso un portale web ogni singolo cittadino potrà conoscere tutti i dettagli energetici riguardanti la propria abitazione. Cliccando sulla propria casa, potrà trovare azioni di riqualificazione energetica (ad esempio sostituzione della caldaia o cambio degli infissi) mostrando costo medio, detrazioni fiscali e in quanti anni si ripaga la spesa grazie al risparmio generato. Il Paesc permetterà inoltre di valorizzare le zone collinari con un piano di sviluppo agricolo. Si pensa anche a frane e smottamenti con interventi per 500 mila euro, per evitare esondazioni. Infine una filiera corta agricola, la distribuzione locale e la creazione di un portale per fare conoscere i prodotti. «Il Paesc è un piano strategico nuovo e importantissimo per il nostro Comune - dichiara il sindaco Matteo Macilotti -. I problemi ambientali e climatici si gestiscono oggi attraverso la programmazione e tramite molteplici azioni che investono sia il pubblico che i privati. Vorrei che la nostra città diventasse un modello per tanti altri Comuni nell’affrontare queste sfide. Il Piano d’azione per l’energia sostenibile e il clima, approvato in consiglio comunale, ne è la premessa», conclude il primo cittadino. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

1 2 3 4 5 6 >