Bus affollato,
chiedilo a Maps

Distanziati sul bus o in metropolitana: Google Maps offre un nuovo servizio
Distanziati sul bus o in metropolitana: Google Maps offre un nuovo servizio
06.07.2020

La necessità di distanziamento sociale, conseguenza della pandemia, ha reso più complicato prendere i mezzi pubblici e aspettarli alle fermate di metropolitane e stazioni ferroviarie: in molti casi sono ambienti al chiuso nei quali potrebbe essere più elevato il rischio di un eventuale contagio. Allo stesso modo dentro i convogli o negli autobus urbani o extraurbani l’alto numero di passeggeri creerebbe inevitabili disagi a chi deve recarsi al lavoro o negli spostamenti di tutti i giorni. Per fornire un ulteriore servizio agli utenti, contribuendo a ridurre la possibilità di diffusione del virus, l’ultima versione di Google Maps introduce alcune funzioni utili per programmare e gestire i propri viaggi tenendo conto delle nuove regole imposte dalla pandemia. Così, dopo aver lanciato la sezione dedicata ai luoghi accessibili in sedia a rotelle, l’obiettivo è ora quello di aiutare la popolazione a fare i conti con il Covid-19 nella quotidianità. Già a inizio aprile, in questo senso, con i ristoranti aperti solo per il delivery erano apparsi i pulsanti «Asporto» e «A domicilio». Ora sull’app di Google stanno comparendo ulteriori novità, a partire dalle segnalazioni di affollamento sui mezzi pubblici e dagli avvisi in caso di prenotazione obbligatoria nelle strutture sanitarie, questi ultimi per il momento attivi solo in Indonesia, Israele, Filippine, Corea del Sud e Stati Uniti. «A causa del Covid-19», spiega Ramesh Nagarajan, Product Management Director di Google Maps, «è sempre più importante sapere quanto affollata potrebbe essere una stazione ferroviaria in un determinato momento o se l’autobus è in transito in un orario preciso». L’anno scorso la società aveva introdotto le previsioni di affollamento per i trasporti pubblici alimentate da decine di milioni di contributi, aiutando le persone a vedere quanto è affollata una particolare linea di autobus o un determinato convoglio. Questa funzione di monitoraggio dell’affollamento dei mezzi pubblici è stata migliorata grazie a una semplificazione della procedura per consultare e inviare le relative informazioni con la possibilità di avere notizie anche su temperature e accessibilità. Questo è possibile grazie anche alla collaborazione con le varie aziende di trasporto del mondo, al fine di fornire su Maps le indicazioni da seguire per prendere i mezzi pubblici, come ad esempio indossare una mascherina, e in generale tutte le indicazioni sulle decisioni prese dalle autorità nazionali riguardo al trasporto pubblico. «Gli avvisi», sottolinea il manager, «sono in fase di implementazione in Argentina, Australia, Belgio, Brasile, Colombia, Francia, India, Messico, Paesi Bassi, Spagna, Thailandia, Regno Unito e Stati Uniti. Stiamo anche introducendo avvisi di guida per informare dei checkpoint e delle restrizioni Covid-19 lungo il percorso», necessarie quando si attraversano i confini nazionali. L’ultima novità riguarda le strutture sanitarie o i centri di test Covid: gli alert ricorderanno le linee guida previste dalla struttura per evitare di essere allontanati, grazie ai dati forniti da governi locali, statali e federali o dai loro siti web.