Coronavirus
Morto un paziente
di Vo' Euganeo

21.02.2020

AGGIORNAMENTO ORE 23,45. Morto uno dei due contagiati da Coronavirus di Vo' Euganeo. Si tratta del paziente di 77 anni che era ricoverato all'ospedale di Schiavonia di Monselice. Le sue condizioni erano apparse fin da subito gravissime.

L'uomo era un muratore in pensione, ex titolare di una piccola impresa edile. Si chiamava Adriano Trevisan. Aveva tre figli, una delle quali, Vanessa Trevisan, era stata sindaco di Vò.

 

Ricoverato già da una decina di giorni per precedenti patologie, il 77enne è spirato questa sera all’ospedale di Schiavonia (Padova), e non nell’ospedale del capoluogo euganeo, come riferito in un primo tempo. «Non c’è stato neppure il tempo per poterlo trasferire» ha detto il governatore Luca Zaia.

 

L'altro paziente di Vo' Euganeo contagiato dall'infezione del virus ha 68 anni. I due avevano in comune la frequentazione di due bar del paese dove giocavano a carte. Il 68enne si trova attualmente ricoverato nel reparto di malattie infettive a Padova. 

 

ORE 21.50. PRIMI CAMPIONI SUI CITTADINI DI VO'  «Nella notte - ha detto il governatore del Veneto Luca  Zaia dopo la riunione della task force sul Coronavirus a Padova - avremo 200, 300 campioni già con i risultati dello screening che stiamo facendo sui familiari e i contatti diretti dei due contagiati di Vo' Euganei. Stiamo cercando di capire quanti eventuali positivi ci possono essere, perchè il contagiato più grave ha fatto dieci giorni di ospedale».

 

Domattina, sabato 22 febbraio, è prevista un’unità di crisi alle 9 nella sede della Protezione civile a Marghera. Annunciata la presenza del ministro per i Rapporti con il Parlamento Federico D’Incà e un collegamento con il ministro della Salute, Roberto Speranza.

 

ORE 21. Nel Comune di Vò Euganeo, luogo d’origine dei due contagiati da Coronavirus in Veneto, è stata decisa la sospensione delle celebrazioni religiose, di tutte le manifestazioni pubbliche, delle attività commerciali e lavorative, sportive, ludiche e la chiusura delle scuole di ogni ordine e grado. 

Vietate anche le fermate dei mezzi pubblici e deciso l’avvio dello screening a tutta la popolazione: saranno sottoposte a tampone 4.200 persone: i 3.300 abitanti del Comune padovano, i
300 familiari e conoscenti dei due contagiati e 600 operatori dell’ospedale di Schiavonia (Padova). Lo ha deciso la task force riunitasi a Padova. 

 

Francesca Russo, direttrice del Dipartimento di Prevenzione della Regione ha spiegato che «se gli operatori sanitari dovessero risultare negativi al tampone andranno a casa in isolamento fiduciario. Coloro che non vogliono andare a casa potranno essere sorvegliati in ospedale.

 

L’ospedale è chiuso, e tutte le attività programmate sono state sospese. Le persone ricoverate torneranno a casa dopo aver fatto il tampone, che verrà fatto per tutti i reparti dell’ospedale;
per i reparti che sono stati interessati, pronto soccorso, medicina interna, geriatria e rianimazione, il tampone verrà ripetuto».

 

VIDEO: L'INTERVISTA AL GOVERNATORE LUCA ZAIA

 

Per i contatti stretti e i familiari dei due casi conclamati è stato avviato un controllo approfondito con test e esami e l'isolamento fiduciario con sorveglianza attiva: saranno contattati due volte al giorno dal personale medico.

 

ORE 18,30.  Primi due casi di Coronavirus in Veneto. Lo ha riportato per primo Il Gazzettino.it: si tratta di due pazienti residenti a Vo' Euganeo (Padova) risultati positivi al test effettuato a Padova. I due, che hanno in comune la frequentazione di due locali pubblici a Vò Euganeo, vivono entrambi con familiari. Si trovano attualmente ricoverati nel reparto di malattie infettive a Padova. 

 

«Per noi le analisi sono positive, stiamo aspettando la conferma dallo Spallanzani, ho parlato più volte con Borrelli oggi pomeriggio». Lo ha detto il presidente del Veneto, Luca Zaia, giungendo a Padova nella sede dell’Ulss 6 Euganea dopo la notizia dei due veneti positivi al Coronavirus. Zaia ha confermato che «sono due cittadini di Vo' Euganeo, uno del ’42 e uno del ’53, uno in condizioni critiche in terapia intensiva».

 

«L’unità di crisi è riunita, adesso si procederà con i tamponi per tutti gli inservienti dell’ospedale di Schiavonia . Ora si sta procedendo con la ricostruzione minuziosa di tutta la catena dei rapporti sociali che i due hanno avuto - aggiunge il governatore Luca Zaia - Bisogna capire da dove arriva questo contagio secondario in primis e poi bisogna valutare tutte le persone che hanno avuto contatti con i due infetti». «Ora partiranno le prime ordinanze dei sindaci interessati: siamo molto preoccupati. È un virus che sorprende ora dopo ora» conclude Zaia.

 

Il governatore del Veneto ha chiesto alla Protezione civile di allestire un primo campo base con le tende riscaldate in località Schiavonia «semplicemente da un punto di vista prudenziale»

 

A Vo' chiusi scuole e negozi. «Siamo preoccupati, ho parlato col sindaco di Vò Euganeo per adottare tutte le misure: chiusura delle scuole, degli esercizi commerciali, cercando di ricostruire tutte le attività sociali e i contatti che queste persone hanno avuto per capire qual è il livello di cordone sanitario da mettere in atto». Lo ha detto a Padova il governatore Luca Zaia, parlando dei due casi positivi al Coronavirus riscontrati in Veneto. «Non bisogna diffondere il panico - ha aggiunto - ma prima regola è l’isolamento».

 

«Ci sarà la chiusura di tutto quello che è pubblico a Vò, quindi bar, ristoranti, scuole e tutto quello che è aggregazione. Utilizziamo misure massime per costruire un cordone sanitario sufficiente» aggiunge Zaia.

 

 

È stata predisposta un’apposita sezione del sito web regionale dedicata all’epidemia di Nuovo Coronavirus (2019 - nCoV) con lo scopo di informare la popolazione sulla situazione internazionale e le precauzioni da adottare. Il sito del Governo sull'emergenza Coronavirus (difficile da raggiungere per l'altro numero di persone collegate), il numero d'emergenza è 1500.

 

Notizia in aggiornamento

CORRELATI