Terzo decesso
e salgono i contagi
L'Italia è terza

23.02.2020

AGGIORNAMENTO Ore. 21.30 «Questa è una emergenza nazionale, è evidente che sarò costantemente impegnato in prima persona a coordinare i lavori». Lo ha detto il premier Giuseppe Conte parlando a Non è l’Arena su La7.

«Individuato 2 focolai, confermiamo la linea di massimo rigore» ha tra l’altro detto.

 

IL VIDEO: COVID 19, IL DECRETO PER CONTENERLO

 

In Lombardia «siamo a 188 casi di positività da coronavirus. Abbiamo fatto un alto numero di tamponi, circa mille, quindi è evidente che emerga un numero anche alto di persone positive, molte delle quali asintomatiche, ossia non non presentano i sintomi e non stanno male. Di queste il 40% è ricoverato, quindi presenta sintomi dell’influenza. Diciotto sono in terapia intensiva». Lo ha affermato l’assessore al Welfare di Regione Lombardia, Giulio Gallera, questa sera a margine dell’incontro tra lui, il presidente della Regione, Attilio Fontana, il prefetto di Milano, Renato Saccone, e circa 500 sindaci lombardi, presenti fisicamente o in videoconferenza.

 

 

Ore 20.50  Un dermatologo del Policlinico di Milano è risultato positivo al Coronavirus e si trova ora ricoverato all’ospedale Sacco. Si tratta del primo contagiato in città.

Il commissario Angelo Borrelli, capo della Protezione civile, nominato commissario straordinario per questa emergenza, ammette: «Fatti oltre 4mila tamponi, pronti a usare caserme e alberghi».

 

In Lombardia e Veneto in arrivo altri 500 donne e uomini delle forze dell’ordine. Pattugliamento
di 35 varchi nel lodigiano (10 comuni) e 8 i varchi a Vò Euganeo. I cittadini che sono passati o hanno sostato nelle zone "focolaio" in Lombardia e Veneto hanno l’obbligo di comunicarlo alle Asl.

 

In quarantena i migranti della Ocean Viking.

 

ORE 19. Con 152 casi confermati di Coronavirus (comprese le tre vittime: la donna morta oggi a Crema, il 77enne di Vò Euganeo e una donna di Casalpusterlengo) appena annunciati dal commissario Borrelli,

l’Italia diventa il terzo Paese al mondo per numero di contagi, secondo i dati della Johns Hopkins University.

La Cina con quasi 77 mila casi resta il Paese più colpito, seguito dalla Corea del Sud con 602.

 

L’Italia scalza il Giappone, dove al momento i casi sono 135. Oltre 630 casi di contagio si sono registrati sulla nave da crociera Diamond Princess, che però non viene menzionata tra i Paesi ma come «altro».

CORRELATI