Un camper per giovani
che cercano un lavoro

Palazzo Trissino ha approvato il progetto del camper Ulisse
Palazzo Trissino ha approvato il progetto del camper Ulisse
10.02.2019

VICENZA. La giunta ha approvato la realizzazione del progetto "Ulisse - il camper dell'orientamento", proposto dai Comuni di Vicenza (capofila), Arcugnano, Costabissara, Creazzo, Dueville, Nanto e Quinto, con partner la Fondazione Emblema.

 

Il progetto, dell'importo di 543 mila euro (di cui 380 mila messi a disposizione dalla Fondazione Cariverona, 60 mila dei quali serviranno per l'acquisto e l'allestimento del camper), ha come obiettivo l'orientamento al lavoro, allo scopo di migliorare la comprensione delle dinamiche relative al passaggio studio-lavoro. Inoltre, punta a potenziare e sviluppare il contatto tra aziende, scuole e università del territorio creando un modello di lavoro condiviso tra tutti gli stakeholders.

 

«Il progetto - spiegano dal Comune - si propone di dialogare su più livelli con i ragazzi che stanno terminando gli studi superiori o l'università, e anche con genitori, orientatori e docenti». Un camper, con un ufficio mobile, farà tappa nei sette Comuni aderenti al progetto, proponendo attività di orientamento tra i giovani. Inoltre, saranno organizzati momenti di formazione proposti come i laboratori con attività di vario tipo che prevedono la contaminazione di idee e progetti coordinati dall'ufficio Cercando il lavoro. Le attività di progetto prenderanno il via a partire dalla prossima primavera ed avranno una durata iniziale di due anni, dopo i quali, come auspicano i Comuni, le attività potranno continuare in modo autonomo. 

 

«L'obiettivo primario di Ulisse - conferma l'assessore alle attività produttive Silvio Giovine - è sostenere i giovani nell'individuazione di un percorso professionale e nell'effettuare scelte di studio consapevoli. Il progetto è innovativo, in quanto permette di fare orientamento in modo itinerante, che consentirà di contattare giovani in maniera capillare, nei luoghi di aggregazione. Le tappe del camper nei Comuni aderenti, così come in altri che manifesteranno il desiderio di partecipare, hanno come obiettivo aiutare i giovani a relazionarsi con il mondo del lavoro in maniera consapevole, anche grazie al contatto con chi in azienda lavora».