Polemica "movida"
«Auto accerchiata
poi calci e pugni»

Una volante della polizia. ARCHIVIO
Una volante della polizia. ARCHIVIO
06.12.2018

VICENZA. Attraverso una nota la questura di Vicenza ha ricostruito il movimentato episodio avvenuto nella serata tra venerdì e sabato in contra' Pescherie Vecchie. Una vicenda che ha avuto non pochi strascichi polemici e che ha travalicato anche i confini provinciali, fino ad arrivare sui banchi del Parlamento, con il deputato vicentino di Forza Italia Pierantonio Zanettin che nei giorni scorsi ha presentato un'interrogazione sull'argomento direttamente al ministro dell'interno Matteo Salvini. 

 

Questa la nota integrale della questura che ha diffuso anche un audio (ASCOLTA QUI):

 

"Nella nottata di sabato sera, personale delle Volanti interveniva presso un esercizio pubblico situato nel centro storico per una segnalazione inerente il furto di un cellulare ai danni di un cliente. Giunti sul posto, gli agenti riscontravano che due persone, indicate dalla persona offesa B.L. quali presunti autori, erano state trattenute all’interno del locale. Gli operatori facevano uscire gli avventori per procedere in sicurezza al controllo dei due soggetti, senza rinvenire addosso ai medesimi il cellulare rubato o altre tracce di reato. I soggetti venivano sottoposti agli accertamenti del caso ed identificati in B.A., cittadino italiano e B.S., cittadino gambiano (in regola con il permesso di soggiorno). Alla persona offesa veniva illustrata la facoltà di sporgere denuncia. All’uscita dal locale dei due soggetti indicati, si creava un momento di frizione con altri avventori che veniva gestita dal personale delle due Volanti fatte convergere sul posto. A questo punto, B.L., che durante le operazioni di controllo si era intromesso più volte nell’operare degli agenti con fare molesto dovuto anche alla palese assunzione di alcolici, offendeva con frasi ingiuriose i poliziotti intervenuti ed incitava alla contestazione gli altri presenti. B.L. non accennava a desistere e, piuttosto, il suo comportamento ingenerava una situazione di pericolo anche per altre persone che si trovavano nella piazza in transito o presso altri locali. Per questi motivi, lo stesso veniva accompagnato in Questura. Nei suoi confronti, si procedeva amministrativamente per manifesta ubriachezza. Il gruppo di persone presenti all’esterno, anche istigate da B.L., accerchiava le due Volanti intervenute che, per uscire, ricorrevano alla segnalazione acustica e luminosa di emergenza. La Volante con a bordo l’accompagnato riusciva ad allontanarsi; mentre la seconda veniva accerchiata e bloccata da una parte dei presenti con pugni e calci sul mezzo. Il Capo Pattuglia, vista la situazione, era costretto a fare uso dello spray al capsicum in dotazione per creare lo spazio di manovra necessario ad allontanarsi. Inoltre, poco dopo il termine dell’intervento delle Volanti, nella medesima piazza, alcuni dei protagonisti dell’increscioso episodio aggredivano con calci e pugni altri ragazzi in quanto 2 non avrebbero dato loro manforte nella resistenza perpetrata ai danni della Polizia da una parte delle persone presenti in quel momento.

Sono attualmente in corso le attività di approfondimento sia nei confronti dei responsabili della resistenza ai poliziotti, sia nei confronti degli autori dell’aggressione successiva. Così come sono in valutazione elementi di natura amministrativa inerenti la posizione del pubblico esercizio teatro degli episodi in parola". 

CORRELATI