Morto nel palazzo
Indagine chiusa
È stato un suicidio

L'uomo è precipitato dal quarto piano
L'uomo è precipitato dal quarto piano
Matteo Bernardini 18.02.2019

VICENZA. Il “giallo” di viale Milano sulla morte di Mirco Boscari, 54 anni, trovato senza vita nel cortile del condominio al civico 37 della strada, la mattina del 6 ottobre scorso, è stato risolto. Per gli investigatori della squadra mobile, che hanno condotto le indagini coordinati dal vice questore Davide Corazzini, Boscari non è stato ucciso. Sul suo corpo, infatti, al di là delle ferite riconducibili alla caduta (avvenuta da almeno una decina di metri) non ci sono segni di violenza.
Dall’autopsia non emergono segni di alcuna colluttazione, né di altre violenze inferte sul corpo del 54enne vicentino. E a escludere l’ipotesi dell’omicidio ci sono anche tutte le altre attività di indagine svolte in questi mesi dagli inquirenti della Mobile che hanno lavorato a stretto contatto con il pubblico ministero Serena Chimichi, che dopo il ritrovamento del cadavere di Boscari aveva aperto un fascicolo (contro ignoti) per omicidio volontario. Invece, al termine dell’indagine, l’ipotesi più probabile a questo punto, resta il suicidio. Boscari, che abitava con i genitori in via San Cristoforo a Bertesina, il 6 ottobre scorso avrebbe deciso di gettarsi volontariamente nel cavedio del palazzo di viale Milano.
 

CORRELATI