Il ministro Poletti
incontra lavoratori
della Lovato Gas

Il ministro Poletti incontra i lavoratori della Lovato Gas
Il ministro Poletti incontra i lavoratori della Lovato Gas
12.10.2017

VICENZA. La ripresa economica c'è anche se ci sono settori che stanno facendo ancora fatica, in particolare quello delle costruzioni. E' la sintesi del pensiero del ministro del Lavoro e delle Politiche sociali, Giuliano Poletti, arrivato a Vicenza per partecipare alla 34esima assemblea dell'Anci. «In generale le attività stanno riprendendo, ma c'è un collegamento alle tipologie di produzione. Non c'è una risposta univoca», ha spiegato Poletti. Il ministro ha continuato dicendo che la ripresa «dipende dai settori», sottolineando che «la situazione più seria l'abbiamo nelle costruzioni, nell'edilizia, che è il settore che soffre ancora di più».

 

Poletti ha incontrato una delegazione sindacale della Lovato Gas composta dalle due Rsu (Simona Parisi e Giuseppina Lunghi), dal segretario generale della Cgil di Vicenza Giampaolo Zanni e dal segretario Fiom Morgan Prebianca. Erano presenti all’incontro il sindaco Achille Variati e il prefetto Umberto Guidato e il consigliere comunale della lista Variati Tommaso Ruggeri.

Nell’incontro il segretario generale della Cgil ha illustrato la situazione della Lovato Gas e dopo avergli comunicato la sofferenza delle lavoratrici e dei lavoratori e anche la preoccupazione di tutto il territorio, ha chiesto l’intervento del Ministro per impedire la delocalizzazione degli impianti e la conseguente perdita di posti di lavoro. Il segretario della Fiom ha spiegato lo stato della trattativa con l’azienda che ha aperto la procedura di mobilità per quasi tutti i dipendenti e ha sottolineato come sia inaccettabile che si chiuda un’azienda sana e produttiva.

Le Rsu hanno consegnato una lettera al Ministro e chiedendo a nome di tutti i dipendenti (110 che da un mese presidiano lo stabilimento 24 ore al giorno) che incontri la proprietà e il management dell’azienda per fare in modo che ritorni sui propri passi e faccia vivere un’azienda che da 60 anni produce e garantisce occupazione e reddito.  

Il Ministro ha preso nota e si è impegnato ad approfondire il caso e a sentire i rappresentanti della proprietà e a dare al sindacato un riscontro appena possibile. 

Nel frattempo il presidio dei lavoratori della Lovato Gas continuerà fino a quando non arriveranno notizie positive sul il futuro dell’azienda vicentina.

Condividi la notizia