Broccolo fiolaro solidale Cena per il Veneto ferito

Un bosco martoriato dell’Altopiano di Asiago: migliaia gli alberi abbattuti dal vento a novembreLa presentazione della sagra che prende il via oggi pomeriggio.  A.F.
Un bosco martoriato dell’Altopiano di Asiago: migliaia gli alberi abbattuti dal vento a novembreLa presentazione della sagra che prende il via oggi pomeriggio. A.F.
Antonella Fadda 11.01.2019

Le Pro loco vicentine scendono in campo in aiuto del Veneto colpito dal maltempo. “La montagna chiama” è il titolo della serata di solidarietà promossa dall’Unpli per la rinascita delle foreste venete ed inserita all’interno della Sagra del Broccolo Fiolaro di Creazzo, giunta alla 20a edizione. La cena, il cui ricavato sarà devoluto al conto corrente della Regione predisposto dopo le devastazioni di novembre, è in programma per mercoledì 16 gennaio alle 20. «Le Pro loco della nostra provincia vogliono portare un aiuto concreto sia all’Altopiano che al Bellunese - spiega il presidente Unpli, Bortolo Carlotto -, ma anche il nostro sostegno ed appoggio a tutti i cittadini che hanno vissuto quei giorni terribili e con grande dignità e coraggio si stanno rialzando». Protagonista della cena sarà un menù dove verranno presentati piatti che sposano novità e tradizione a base di broccolo fiolaro. In questi mesi sono state piantate 1,3 milioni di piante dell’ortaggio tipico delle colline creatine. A metterle a dimora sono stati i dieci agricoltori che si occupano di coltivare questo vegetale e, stando ai calcoli, il raccolto dovrebbe fruttare in totale 390 tonnellate. «Quest’anno la qualità è eccezionale - afferma il coltivatore Daniele Gentilin - ed il peso si aggira sui 300 grammi a pianta. Per questa stagione le temperature sono state più alte della media, solo nell’ultimo periodo sono scese». Ben 40 quintali di broccoli, tutti rigorosamente provenienti dalle colline creatine, saranno utilizzati per la sagra che prenderà il via oggi pomeriggio nella tensostruttura riscaldata di via Torino e che durerà 10 giorni, fino al 20 gennaio. Ieri in municipio la presentazione ufficiale della manifestazione organizzata dalla Pro loco con il Comune ed anche del libro “Fioi della collina”. «In 20 anni la manifestazione ha guadagnato sempre più importanza - ha detto il sindaco, Stefano Giacomin - e ha anche cambiato la fisionomia delle colline. Dove una volta c’erano campi incolti oggi spicca il verde del broccolo. È bello quando una sagra coniuga territorio, storia, tradizione e cultura». Al pranzo di domenica saranno presenti il ministro Erika Stefani, il presidente del Consiglio regionale, Roberto Ciambetti, e della Provincia, Francesco Rucco. Ma non solo broccolo: i diversi appuntamenti saranno animati da musica e cabaret e non mancheranno gli incontri con gli studenti delle scuole e lo spazio alla solidarietà, con la marcia “A spasso con la vita”, in programma domenica mattina e il cui ricavato sarà destinato alla Fondazione San Bortolo. La presidente Pro loco, Beatrice Girardello, ha voluto ringraziare i volontari che prestano la propria opera nella kermesse. • © RIPRODUZIONE RISERVATA