A scuola il trasloco lo fanno i genitori

Genitori scaricano dal camion alcuni arredi della scuola media Manzoni.   FOTO TROGUIl gruppo di genitori che ha lavorato per due giorni. FOTO TROGUIl trasloco tra i corridoi
Genitori scaricano dal camion alcuni arredi della scuola media Manzoni. FOTO TROGUIl gruppo di genitori che ha lavorato per due giorni. FOTO TROGUIl trasloco tra i corridoi
Antonella Fadda 30.08.2018

Antonella Fadda Alle scuole medie Manzoni di Creazzo il trasloco lo fanno i genitori. Non è stato necessario contattare ditte specializzate per riportare gli arredi scolastici nell’istituto dopo la fine dei lavori di adeguamento sismico, terminati recentemente ed effettuati nel tempo record di 6 mesi. A pensare al trasloco ci hanno pensato circa una quarantina di mamme e papà che l’altro pomeriggio si sono dati appuntamento davanti alla scuola di via Manzoni e poi hanno iniziato l’opera di trasporto. Così banchi, sedie e cattedre, lavagne e vocabolari, scaffali in metallo e libri, ma anche detersivi e altro materiale sono stati sistemati nelle aule e negli stanzini. Un lavoro lungo e un po’ pesante coordinato e perfettamente organizzato così mentre alcuni si occupavano di trasportare dei pacchi di libri dal piano interrato altri aspettavano l’arrivo dei furgoni carichi dei banchi, pronti a portarli negli spazi designati. L’obiettivo è quello di terminare nel più breve tempo possibile, nel giro di un paio di giorni, per fare in modo che il nuovo anno scolastico possa iniziare nel migliore dei modi. Nonostante la fatica c’è un’atmosfera festosa e tutti parlano dei miglioramenti che sono stati effettuati e di come la scuola abbia un aspetto talmente rinnovato da sembrare appena costruita. Ma soprattutto sicura grazie ai lavori che hanno interessato le ali nord e sud. «Siamo davvero contenti perché i lavori sono stati fatti per la sicurezza dei nostri figli – afferma Barbara Tecchio – e quindi è giusto dare una mano e fare in modo che i nostri ragazzi rientrino nelle loro aule». Diego Grazian, insieme con altri padri, ha appena trasportato al primo piano un mobile in metallo: «Mia figlia quest’anno inizierà la terza – osserva -, la scuola è davvero bella e merita. E poi aiutare nel trasloco è doveroso». Commenti positivi arrivano anche da un’altra mamma, Lidia Zantedeschi, e dalla presidente del Comitato Genitori, Tania Rossi. «I genitori sono fantastici – dice- sono venuti in tanti per aiutare, si vede quanto tengano alla scuola. Siamo rimasti entusiasti dei lavori, è valsa la pena aspettare e siamo ancora più contenti perché ora i nostri figli potranno frequentare l’anno in completa sicurezza». Insieme ai genitori a fare il trasloco anche l’assessore alle opere pubbliche, Giuseppe Serraino, ed il sindaco Stefano Giacomin, fra un impegno amministrativo e l’altro, è andato a salutare e a ringraziare. Presente alle operazioni, infine, anche la dirigente del comprensivo, Emanuela Rigotto. • © RIPRODUZIONE RISERVATA