Afa e solitudine
Domenica d'agosto
di un camionista

Mihai Ciobanu, camionista di 65 anni
Mihai Ciobanu, camionista di 65 anni
13.08.2018

VICENZA. Una domenica d'agosto passata nel parcheggio assolato di via Fermi, all'esterno della sede del Giornale di Vicenza. Sul fornello da campeggio, la minestra che bolle, sul tavolo da pic nic, il pollo pronto per essere fritto. Mihai Ciobanu, camionista di 65 anni, arriva dalla Romania. Dopo 45 anni alla guida di tir e autoarticolati, questo sarà il suo ultimo viaggio. Poi, però, non si fermerà. «Comprerò una roulotte e riprenderò a viaggiare per l'Europa», racconta, sorridente. Il suo camion è un mosaico di sportelli e pertugi, ogni angolo nasconde una sorpresa, tra taniche d'acqua per lavarsi, il frigorifero, il letto. «Avevo visto questo parcheggio l’anno scorso, dalla strada - spiega -. Ieri ero di passaggio e ho deciso di fermarmi. Più tardi andrò in centro, a fare un giro. A piedi».