Raccolta dei rifiuti L’Artusi in campo per la differenziata

L’istituto alberghiero Artusi
L’istituto alberghiero Artusi
L.CRI. 08.01.2019

Recoaro Comune riciclone, questa la parola d’ordine slogan che ricalca l’obiettivo regionale di ridurre quanto più possibile le quantità di rifiuti introducendo un corretto utilizzo della raccolta differenziata e una sempre maggiore sensibilizzazione all'importanza del riciclo per salvaguardare l'ambiente. La cittadina ha avuto nel 2017 un indice di raccolta differenziata secondo le misure adottate dalla Regione di 70,5%, con una produzione di 332 chili a persona e 80 chili di raccolta differenziata a persona conferita come secco invece che essere differenziata. La Regione ha stabilito che i Comuni dovranno raggiungere entro il 2020 il 75% di raccolta differenziata e meno di 75 chili pro capite di secco. Il sindaco Davide Branco sottolinea: «Recoaro ha, nonostante un territorio complesso di quasi 61 chilometri quadrati con una miriade di contrade, una buona posizione e i traguardi fissati dalla Regione sembrano raggiungibili. È un segno di sensibilità ambientale dei cittadini». Proprio in quest’ottica anche all’istituto alberghiero, su stimolo della scuola stessa con una stretta collaborazione tra l'ufficio tecnico comunale e Agno Chiampo Ambiente, è stato introdotto un capillare sistema di raccolta differenziata con un numero considerevole di raccoglitori. Inoltre è in programma una serie di incontri di formazione per studenti su come e perché differenziare. «Sono sicuro che con questo sistema capillare di raccolta differenziata, di formazione e di sensibilizzazione, Recoaro Terme arriverà a breve ad aumentare la raccolta differenziata», conclude il sindaco. • © RIPRODUZIONE RISERVATA