Erbacce e incuria
al cimitero
Monta la protesta

Il cimitero invaso dalle erbacce
Il cimitero invaso dalle erbacce
07.09.2018

RECOARO. Erba alta e incuria: il cimitero di Recoaro protagonista ancora una volta in negativo. Lo scorso maggio a far scattare le proteste dei cittadini era stato il fatto che a febbraio erano state tolte le lapidi di marmo, le foto dei defunti, le lampade e i vasi dove mettere dei fiori ed erano stati sostituiti con una serie di pali di legno sormontati da una piccola targa. Si erano infatti avviati tutti i lavori in vista dell’esumazione non tenendo conto del fatto che il necroforo sarebbe andato in pensione a breve. 

 

Il risultato è che da allora non è cambiato nulla. Ora, ai primi di settembre, oltre a questa situazione, si somma quella dell’erba alta e dell’incuria che ha scatenato il dibattito e soprattutto le critiche sui social. «Il problema - dice il sindaco Branco -  è che non si riesce a trovare un necroforo. La conseguenza è che se non si sbloccherà questa situazione saremo costretti ad affidare a una ditta esterna i lavori di manutenzione del cimitero».