Caduto in scooter Sotto i ferri 10 ore ma il piede è salvo

Lo scooter del quattordicenne dopo l’incidente di sabato.CARIOLATO
Lo scooter del quattordicenne dopo l’incidente di sabato.CARIOLATO
A.C. 11.06.2018

Dieci ore, tanto è durato l’intervento dei medici chirurghi dell’ospedale San Bortolo di Vicenza per rimettere in sesto il piede del quattordicenne, coinvolto in un pauroso incidente stradale sabato a sera. Un’operazione molto delicata mirata ad evitare una possibile amputazione, fortunatamente evitata. Come ha riferito il padre del ragazzo, che ha assistito il figlio al nosocomio vicentino per tutto il tempo dell’operazione, i medici gli hanno assicurato che l’intervento è riuscito, anche se sarà necessario un lungo periodo postoperatorio. Nel frattempo il ragazzo resta nel reparto di terapia intensiva. Da quanto è stato possibile sapere, poco prima delle 23 lo studente alla guida di uno scooter 50 stava viaggiando verso casa sulla strada comunale, ex provinciale, di Tezze, in zona artigianale di Cereda. Giunto all’altezza dell’incrocio con via Giarette, si è scontrato con l’auto, una Volkswagen Polo, condotta da un giovane di 19 anni di Cornedo, che a sua volta stava rientrando a casa dopo il turno di lavoro. L’impatto è stato particolarmente violento e la peggio è toccata al quattordicenne, che è caduto rovinosamente sull’asfalto, riportando traumi e lacerazioni all’arto sinistro e in varie parti del corpo. È uscito illeso invece, l’automobilista, che si è precipitato a soccorrere lo scooterista molto sofferente, rendendosi conto dunque della gravità della situazione. Immediatamente è stato allertato il 118 e un’ambulanza è giunta sul posto. I medici hanno verificato la gravità dei traumi, specialmente lo schiacciamento ad uno dei due arti inferiori tanto che hanno deciso di trasportare il ferito direttamente all’ospedale civile di Vicenza, dove è stato ricoverato nel reparto di terapia intensiva e successivamente è stato sottoposto ad intervento chirurgico al piede, che, come si è detto, è durato dieci ore ed ha avuto esito positivo tanto che il ragazzo, che frequenta il primo anno del liceo Quadri di Vicenza, dovrebbe recuperare completamente l’uso del piede. Per quanto riguarda la dinamica dell’incidente si sta occupando la polizia locale consortile Valle Agno, che è intervenuto sul luogo con due pattuglie. I fari della pubblica illuminazione e gli altri delle aziende produttive presenti fanno sì che l’incrocio sia ben illuminato. Tuttavia non è la prima volta che succedono dei botti proprio in prossimità dell’intersezione. Un paio di scontri fra auto si sono registrati nei mesi scorsi, ma hanno comportato solo danni alle carrozzerie. Anche perché, almeno secondo quanto si può apprendere da fonti ufficiali, non si verificano eccessi di velocità da parte degli automobilisti. A volte, si tratta semplicemente di disattenzione. Nel caso dell’incidente di sabato la dinamica è invece ancora tutta da accertare. • © RIPRODUZIONE RISERVATA