Rientra a casa
dopo due settimane
ed è senza acqua

Paolo Tagliapietra: tornato a Zanè s’è trovato senza acqua (FOTO STELLA)
Paolo Tagliapietra: tornato a Zanè s’è trovato senza acqua (FOTO STELLA)
30.09.2018

ZANÈ. All’asciutto. È incappato in una brutta sorpresa un pensionato di Zanè, il 77enne Paolo Tagliapietra al suo rientro a casa, in via Damiano Chiesa 22. Rubinetti a secco e contatore sigillato. Il dopo vacanza si è trasformato in un incubo da cui riuscirà ad uscirne solo tra qualche giorno. Nel frattempo il protagonista, suo malgrado, di un disguido con la società Viacqua, dovrà armarsi di tanta pazienza e soprattutto di molte bottiglie d'acqua.
Il fatto è accaduto venerdì pomeriggio, come racconta il cittadino zanadiense: «Ho chiamato il servizio clienti e mi è stato risposto che la sospensione della fornitura d'acqua era dovuta al mancato pagamento di una bolletta del valore di 71,60 euro».
«È assurdo - precisa Tagliapietra - innanzitutto perché non mi è mai arrivato alcun sollecito o avviso al riguardo e soprattutto perché io pago tutte le bollette, anche quelle della luce e del gas, attraverso il rid». 
Evidentemente nel cambio di gestore si sono smarriti i dati della domiciliazione bancaria della bolletta.
«Mi chiedo come sia possibile togliere l'acqua in questo modo ad un utente che ha sempre pagato regolarmente, per di più un anziano che, come nel mio caso, ha problemi di salute. Ho viaggiato in tutto il mondo, dall'Africa all'Indonesia, in posti davvero poveri, ma non mi è mai capitato di non riuscire a farmi una doccia».