Esemplari protetti
Norme violate
Due denunciati

Una battuta di caccia durante la stagione venatoria
Una battuta di caccia durante la stagione venatoria
12.10.2017

ZANÈ/MONTE DI MALO. I militari del gruppo carabinieri forestale nei giorni scorsi, durante un servizio di controllo sull’attività venatoria, in zona montana del comune di Arsiero, hanno identificato un cacciatore che occultava dentro il proprio zaino una gabbietta contenente avifauna particolarmente protetta (cincia mora).

A seguito di tale episodio è stato richiesto l’intervento di una seconda pattuglia nell’abitazione del cacciatore, in pieno centro abitato di Zanè, al fine di verificare la presenza di ulteriore avifauna protetta. All’atto del controllo sono stati rinvenuti numerosi esemplari vivi di avifauna particolarmente protetta e non (cincia mora, cincia bigia, cincia dal ciuffo, lucherini, verzellini, fanelli, pettirossi, fringuelli), abilmente mimetizzati in alcune strutture create ad hoc nella terrazza ricavata sul tetto della propria abitazione dal bracconiere. Venivano inoltre rinvenute numerose reti da uccellagione e gabbie trappole utilizzate per l’irregolare cattura di quanto rinvenuto.

Tutti gli esemplari sono stati sottoposti a sequestro penale e visto il buono stato di salute sono stati successivamente liberati in luogo idoneo.

Il bracconiere è stato segnalato all’autorità giudiziaria per la violazione della normativa sulla caccia.

 

 

Nei giorni successivi, in località Faedo del comune di Monte di Malo, zona in cui l’attività venatoria è particolarmente intensa, è stato segnalato all’autorità giuudiziaria un ulteriore cacciatore che aveva abbattuto un esemplare di avifauna protetta. Il fucile utilizzato è stato sottoposto a sequestro penale.

Condividi la notizia