Furti all’ecocentro Assessore vigilante mette in fuga i ladri

Di recente sono state rubate le pompe per il funzionamento dei container.  STUDIOSTELLA-CISCATO BREGANZEFurti nell’ufficio dell’ecocentro e anche di materiale ferroso.  CISCATO
Di recente sono state rubate le pompe per il funzionamento dei container. STUDIOSTELLA-CISCATO BREGANZEFurti nell’ufficio dell’ecocentro e anche di materiale ferroso. CISCATO
Giulia Armeni 11.09.2018

Con le mani nel sacco, o quasi. I ladri di rifiuti che da qualche tempo imperversano all'ecocentro di Villaverla stavolta hanno dovuto desistere, abbandonando la refurtiva e dandosi alla fuga dopo essere stati sorpresi dalla vigilanza “fai da te”, ma dimostratasi efficace, dell'assessore all'ecologia Enrico De Peron e dei residenti. L'unione fa la forza anche nel contrasto alla microcriminalità e gli ultimi episodi avvenuti all’ecocentro comunale di via Stadio lo dimostrano: nella serata di sabato scorso, tra le 18 e le 23, i due tentativi di furto messi a segno da ladri ancora da identificare sono stati entrambi sventati dal pronto intervento degli abitanti della zona ma soprattutto dell'attivissimo assessore della giunta Gonzo. Il delegato all'ecologia De Peron si è detto stanco delle continue incursioni nel centro di raccolta «almeno due volte la settimana, da diverso tempo»: a fine agosto, ad esempio, erano state rubate le pompe per aprire i cassoni destinati alla raccolta del materiale. Così l’altro giorno ha deciso di presidiare personalmente l'area, appostandosi poco distante dall'ingresso dopo l'ora di chiusura. È alla fine del turno dei due giorni di apertura settimanali, mercoledì e sabato appunto, che i trafficanti di rifiuti entrano in azione, consci di poter trovare oggetti e materiali appena conferiti dalle famiglie. Così poco prima delle 18.30 il giovane amministratore si è fermato con la sua auto lungo via Stadio e non ha dovuto attendere a lungo prima di notare movimenti sospetti: «Verso le 19 mi sono accorto che c'era qualcuno all'interno dell’area - racconta -. Ho chiamato i carabinieri che sono arrivati subito, ma questa o queste persone erano già scappate dalla recinzione sul retro, evidentemente tagliata proprio per facilitare la fuga». Proprio dallo stesso passaggio sarebbe entrato anche il secondo malvivente, giunto all’ecocentro di Villaverla intorno alle 23 per fare incetta di materiale destinato al riciclo: in questo caso però, a segnalare la nuova intrusione all'assessore De Peron, che nel mentre se n'era andato, ci hanno pensato i vicini. «Hanno visto un furgoncino bianco - spiega l'assessore - parcheggiato in una stradina laterale e qualcuno dentro l'ecocentro e mi hanno avvertito». De Peron si è quindi nuovamente precipitato in via Stadio, annotando il numero di targa del veicolo e attendendo l'arrivo dei militari dell'Arma per dar loro indicazioni sull'uomo che lo stesso assessore è riuscito a vedere prima che si dileguasse: «È scappato attraverso la rete che dà sui campi da calcio». Proprio là sono poi stati recuperati anche gli oggetti prelevati dai cassoni e pronti probabilmente per essere rivenduti: 8 ferri da stiro, un ventilatore e una radio. • © RIPRODUZIONE RISERVATA