Thiene Ragazzi disoccupati, un corso li salvaThiene | Thiene

Ragazzi disoccupati, un corso li salva

La struttura “Casa Insieme” è il fulcro dell’accordo raggiunto tra Comune e Fondazione.  STUDIOSTELLA-CISCATOUna delle aule utilizzata per le attività didattiche.  STUDIOSTELLA-CISCATO
La struttura “Casa Insieme” è il fulcro dell’accordo raggiunto tra Comune e Fondazione. STUDIOSTELLA-CISCATOUna delle aule utilizzata per le attività didattiche. STUDIOSTELLA-CISCATO
Alessandra Dall’Igna 11.09.2018

[FIRMA]L'ufficio grafica del Comune di Thiene trasloca e si trasforma in un centro stampa di formazione per giovani disoccupati. Ha preso vita, grazie alla firma di una convenzione tra l'Amministrazione guidata dal sindaco Gianni Casarotto e la Fondazione Pegoraro-Romanatti, il nuovo progetto di promozione della formazione in editing e grafica rivolto ai cosiddetti Neet, ovvero ai giovani che non studiano e non lavorano. Giovani esclusi dalla vita sociale attiva anche a causa di un'inadeguata specializzazione e di una mancanza di esperienza pratica, a fronte di una richiesta di figure professionali qualificate. Ed è proprio per promuovere l'arricchimento delle competenze professionali, psico-motivazionali e relazionali dei giovani inoccupati, nel tentativo di accompagnarne l'inserimento lavorativo, che pubblico e privato sociale hanno deciso di unirsi in un innovativo progetto di formazione. Da un lato l'Amministrazione mette a disposizione i macchinari e la competenza del dipendente comunale che attualmente si occupa della realizzazione di tutto il materiale grafico per il Comune e le associazioni locali, dall'altro la Fondazione offre gratuitamente all'ente uno spazio all'interno di “Casa Insieme” e le attrezzature per la stampa digitale per svolgere l'attività. «Il progetto nasce per rispondere a diverse esigenze, sia nostre che della Fondazione Pegoraro-Romanatti - spiega Alberto Samperi, assessore al lavoro e al personale -. Quest’ultima da tempo aveva acquistato attrezzature perché desiderava avviare un laboratorio didattico per attività di tipo comunicativo come, ad esempio, la digitalizzazione di archivi e l'attività di grafica. Noi, invece, avevamo l'esigenza di spostare l'ufficio editing in quanto si trovava all'interno degli ex Comboniani, edificio che sarà in futuro oggetto di una profonda ristrutturazione. A queste necessità va poi aggiunta la positiva esperienza dei tirocini svolti all'ufficio editing da un gruppo di studenti all'interno del programma di alternanza scuola-lavoro. Abbiamo messo insieme tutti questi aspetti e siamo arrivati ad una soluzione che riteniamo davvero vantaggiosa, sopratutto per i tanti giovani inattivi del nostro territorio». Non appena il centro di formazione verrà avviato, i ragazzi coinvolti nel progetto affiancheranno Luciano Torresendi, il responsabile dell'ufficio editing comunale che supporta tutti i settori del municipio, per la creazione di manifesti e di locandine di informazione istituzionale, pubblicizzazione di eventi culturali e sportivi e altre manifestazioni. «Il mio obiettivo è far diventare questo centro un luogo in cui i giovani disoccupati possano far crescere i loro talenti - afferma Giuseppe Pegoraro, presidente della Fondazione Pegoraro-Romanatti - specializzandosi in un lavoro innovativo e comunicativo. Accanto al centro stampa, infatti, voglio realizzare, sempre attraverso il supporto di volontari, anche un laboratorio di rendering, utilizzando immagini riprese con i droni, e uno di grafica-video che permetta di creare contenuti con cui arricchire i siti». I giovani interessati a prendere parte al progetto, o anche i Comuni che vogliano segnalare il nominativo di qualche ragazzo Neet, possono chiedere maggiori informazioni a “Casa Insieme” di via Braghettone.[END]© RIPRODUZIONE RISERVATA