Marosticana, una rotatoria tira l’altra

Il sindaco Parisotto nell’area dove sorgerà il rondò. FOTOSERVIZIO STELLA
Il sindaco Parisotto nell’area dove sorgerà il rondò. FOTOSERVIZIO STELLA
Marco Billo 12.10.2018

Una rotatoria tira l’altra, o almeno così sperano i sindaci di Dueville e Sandrigo. Ieri mattina Giusy Armiletti e Giuliano Stivan hanno incontrato la presidente della Provincia, Maria Cristina Franco, per chiedere a gran voce un rondò lungo la Marosticana che sostituisca l’attuale incrocio semaforico di Passo di Riva. Un’opera sulla scia della rotonda in costruzione all’incrocio tra la Sp 248 e la Sp 63 Preara, fortemente voluta dall’amministrazione di Montecchio Precalcino, contestata da Sandrigo e ritenuta utile, se affiancata dalla rotatoria a Passo di Riva, dal Comune di Dueville. L’INCONTRO. «Abbiamo ribadito alla Provincia l’inderogabilità della realizzazione del rondò a Passo di Riva», spiega Stivan. «L’opera era stata inserita nel piano degli interventi del 2007, ma poi non fu realizzata. Ora Sandrigo e Dueville sono tornati a chiedere che il progetto venga ripreso in mano. La nostra determinazione e l’evidenza dei fatti, ovvero le colonne chilometriche che si formano in quel tratto di Marosticana, sembrano aver fatto capire la necessita del rondò: la mia speranza è che per la prossima estate venga aperto il cantiere». Un’opera fondamentale anche per Armiletti che ha voluto sottolineare «l’importanza della rotonda in corrispondenza dell’incrocio tra la strada provinciale Marosticana, via De Gasperi e via Santa Maria a Passo di Riva», commenta. «La rotatoria in fase di realizzazione sul ponte dell’Astico risolve solo alcune criticità: sono necessarie entrambe». LA PROVINCIA. Le istanze dei sindaci sono state ascoltate dalla presidente, Maria Cristina Franco. «Abbiamo recepito le esigenze dei due Comuni: quest’opera sarà sicuramente prioritaria nella futura programmazione», risponde. «Attualmente è difficile fare previsioni: per ora sappiamo che il costo è stimato in circa 700 mila euro e che esiste un progetto preliminare del 2007, con ogni probabilità da aggiornare». SULL’ASTICO. Nel frattempo è stato aperto il cantiere per la realizzazione della rotonda sul ponte del torrente Astico, a confine tra Dueville, Montecchio Precalcino e Sandrigo. Un’opera da 670 mila euro finanziata dalla Provincia, tanto contestata dal sindaco di Sandrigo, quanto apprezzata dal collega di Montecchio Fabrizio Parisotto. «Sono orgoglioso di vedere finalmente la realizzazione di questo rondò che aspettavamo da decenni. Mi prendo una parte di merito: era un impegno preso in campagna elettorale, tanto il problema è sentito dai miei concittadini. Le auto che escono da Montecchio sulla Marosticana sono il 3,5 per cento su un transito orario di 2300 veicoli. Vale a dire 80 auto all’ora, più di una al minuto, e fanno una gran fatica a immettersi nella provinciale. Per evitare il rischio di attraversamento, molti mezzi provenienti da Montecchio e Sarcedo deviano allungando il percorso fino al semaforo di Passo di Riva: con la rotatoria si renderà più fluido il traffico nell’incrocio semaforico e di certo quel 3,5 per cento crescerà, forse raddoppiando». Parisotto condivide l’utilità di una rotatoria nella frazione di Dueville, un’opera che migliorerebbe la viabilità «senza però risolverebbe il problema di chi entra e esce dalla Sp 63 Preara», sottolinea. «L’intervento avviato nelle ultime settimane ha trovato concordi Sarcedo e Dueville, ma anche la collaborazione della Provincia che da anni intendeva realizzare il progetto, approvato e messo a bilancio durante la presidenza di Variati». • © RIPRODUZIONE RISERVATA