Rubati i risparmi
nascosti nel letto
Tenta il suicidio

Provvidenziale l'intervento di carabinieri e polizia locale
Provvidenziale l'intervento di carabinieri e polizia locale (Archivio)
I.T.19.04.2017

MARANO. Antonio non si fidava delle banche e aveva ricavato un ingegnoso nascondiglio, che riteneva a prova di ladro, nella testiera in ferro del letto della sua camera. Ma con qualcuno (forse un’amica birichina?) si sarebbe confidato venendo derubato di un tesoro di oltre 150 mila euro in contanti. Sconvolto e disperato dapprima ha denunciato il furto ai carabinieri di Thiene, poi ha cercato di farla finita ritenendo che la sua esistenza non avesse più senso. Ma è stato salvato dal provvidenziale intervento di carabinieri e polizia locale, che recatisi casualmente a casa sua per un sopralluogo lo hanno scoperto in procinto di togliersi la vita. Il dramma è accaduto qualche giorno fa a Marano. Adesso Antonio, nome di fantasia, è stato preso in cura dai sanitari del servizio psichiatrico dell’Ulss 7 per cercare di fargli superare il fortissimo stress seguito alla rocambolesca sparizione del suo tesoro.  

CORRELATI
Condividi la notizia