Rapina in casa, danni e botte: arrestato

La palazzina di via Santa Maria dove è avvenuto il movimentato episodio. FOTO DALL’IGNARomeo Maier
La palazzina di via Santa Maria dove è avvenuto il movimentato episodio. FOTO DALL’IGNARomeo Maier
Silvia Dal Maso 30.12.2018

Non contento di svaligiare la casa, l’ha voluta allagare lasciando aperti i rubinetti. Peccato che la trovata gli si sia ritorta contro e che su quell’acqua sia scivolato compromettendo la fuga. Il rapinatore è stato prima braccato dal padrone di casa - il quale è rimasto ferito da un colpo sferrato dall’intruso - e poi catturato e arrestato dai carabinieri de nucleo radiomobile della compagnia di Thiene. Torna alla ribalta della cronaca il pluripregiudicato Romeo Maier, 49 anni, nomade di etnia Sinti residente a Sarcedo, finito in manette per rapina per aver sottratto con la violenza monili d’oro da un’abitazione in via Santa Maria 24 a Marano Vicentino. Approfittando del fatto che in casa non ci fosse nessuno, Maier l’altra sera si è introdotto nell’abitazione di proprietà di un padre di 60 e del figlio 30 anni con l’intento di rubare alcuni monili d’oro. Prima di scappare, ha deciso di lasciare aperti i rubinetti dell’acqua che hanno iniziato ad allagare diverse stanze. Una volta resosi conto che i proprietari stavano rientrando in casa, Maier ha tentato di darsi alla fuga con il bottino per non essere scoperto. Padre e figlio però avevano già notato movimenti strani nell’abitazione e, avvistato l’intruso, lo hanno inseguito. Durante l’inseguimento Maier è scivolato a terra, a causa del pavimento bagnato, riportando una lesione a un braccio. La caduta ha permesso al maranese 60enne di bloccarlo e fermarlo in attesa dell’arrivo delle forze dell’ordine. In un estremo tentativo di svignarsela, l’uomo ha sferrato un colpo sul costato del padrone di casa procurandogli una lesione. Lanciato l’allarme al 112, una pattuglia dei carabinieri del nucleo radiomobile della compagnia di Thiene è riuscita a raggiungere tempestivamente l’abitazione di via Santa Maria e a bloccare il fuggitivo. Per Romeo Maier è scattato l’arresto per rapina e si sono aperte le porte del carcere di Vicenza in attesa del rito direttissimo. Per il pluripregiudicato potrebbe aprirsi anche un secondo capitolo giudiziario per lesioni. Il padrone di casa, ferito nella colluttazione, è stato condotto al pronto soccorso dell’ospedale Alto Vicentino di Santorso dove il medico ha dichiarato che la forte contusione sarà guaribile in una trentina di giorni. Il curriculum di Romeo Maier è piuttosto fitto. La scorsa primavera è stato condannato in primo grado a tre anni e quattro mesi per un furto in villa a Molvena avvenuto nel luglio 2013 che gli aveva permesso di sparire con un bottino di 55 mila euro tra gioielli, monili in oro, denaro contante. All’epoca delle indagini, era già finito in carcere per scontare una condanna a quattro anni e quattro mesi per associazione a delinquere finalizzata ai furti aggravati in abitazione commessi tra il 2011 e il 2012. Nell’estate del 2014 si è reso protagonista di una sparatoria nella rotatoria tra le vie Asiago ed Europa a Sarcedo: una resa dei conti fra tre famiglie di nomadi. • © RIPRODUZIONE RISERVATA