Animali domestici e della campagna C’è la benedizione

Il Santuario della Fratta.   ARCHIVIO
Il Santuario della Fratta. ARCHIVIO
S.D.M. 18.01.2019

Domenica 20 gennaio, alle 16, al Santuario della Fratta di Carrè, si svolgerà l'ormai tradizionale messa con la benedizione degli animali sul sagrato della chiesa. Una celebrazione che da quando è stata istituita in paese dal parroco don Alfredo Neri, arrivato circa 7 anni fa, richiama una gran folla che non vuole dimenticare le proprie origini rurali e contadine. La messa è preceduta dalla ricorrenza di Sant'Antonio Abate, che si festeggia il giovedì 17 gennaio, quando il parroco per tutta la giornata si impegna ad andare a trovare le famiglie contadine e gli allevatori, per la benedizione delle stalle e degli allevamenti. «È un momento di condivisione importante, si sta insieme, si parla, ci si intrattiene e si porta come tradizione il sale benedetto. È un modo per valorizzare la natura, il creato, gli animali, le famiglie che vivono di questo», spiega il parroco di Carrè. «Per comodità, se il 17 gennaio mi reco nelle aziende agricole a benedire gli animali, e non mi dimentico neppure di quelle famiglie che amano gli animali da compagnia, la messa la celebriamo la domenica successiva, in questo caso il 20 gennaio e con mio grande piacere vedo che ogni anno è sempre più frequentata – prosegue don Alfredo -. Ad ogni ricorrenza aumentano gli animali e l'anno scorso sono stati portati anche dei falchi che ho benedetto con gran piacere. Dopo la celebrazione, ci sarà anche un intrattenimento nel salone per stare in compagnia. Sempre domenica, per ricordare Sant'Antonio Abate, celebrerò una messa al Santuario della Fratta anche alle 11 del mattino». • © RIPRODUZIONE RISERVATA