Alla Stragiaxà mille cuori solidali

Il vincitore della Stragiaxà: Diego Gaspari (Gabbi).  FOTO HELGA/ VI.MA.Il podio maschile della gara: quasi un migliaio i protagonisti al viaLa partenza dell’undicecesima edizione della 10 km StragiaxàIl folto gruppo di runner targati ViMarathon, sempre protagonisti
Il vincitore della Stragiaxà: Diego Gaspari (Gabbi). FOTO HELGA/ VI.MA.Il podio maschile della gara: quasi un migliaio i protagonisti al viaLa partenza dell’undicecesima edizione della 10 km StragiaxàIl folto gruppo di runner targati ViMarathon, sempre protagonisti
Andrea Mason 27.12.2018

Punto primo. Al traguardo la vittoria spetta alla solidarietà. E ai mille e passa runner che hanno aderito alla charuty run. E poco importa se il successo è andato ancora a Diego Gaspari (Gabbi) che assieme a Paolo Pellizzari (VIMarathon) ha replicato l’ordine d’arrivo di un anno fa, terzo Pietro Sartore della nuovo team Marunners. Al femminuile festa Chiara Renso (AV) che si è imposta su Martina Dogana (Triathlon Schio) e Nicole Pozzer (Free Atletic). Conta la felicità dei runner e l’ottimismo degli organizzatori targati La Fulmine Running Team ben pilotati dall’infaticabile Lorenzo Bressan. «Siamo arrivati a quota undici edizioni - spiega - Allestire questa gara non è facile. Servono sempre più energia e buona volontà». Dieci più una le edizioni, grazie anche alla collaborazione con l’amministrazione comunale di Thiene. In prima fila l’assessore allo sport Giampi Michelusi. «Ancora una volta solidarietà ed agonismo hanno corso verso lo stesso traguardo - spiega - La formula benefica di questo evento sportivo si addice allo spirito di questa comunità». Anche il sindaco Gianni Casarotto ha fatto arrivare sui social i personali auguri. Una cinquantina i volontari coinvolti, strade chiuse totalmente al traffico («una importante novità» spiega Michelusi) nel segno della sicurezza; runner provenienti da tutta la provincia e non solo e un grande contorno di pubblico lungo i tre giri del tracciato per complessivi 10 chilometri di gara. Le quote delle iscrizioni e gli introiti della manifestazione verranno destinati alla fondazione Città della Speranza (ieri rappresentata da Vinicio Trulla), alla fondazione Brunello di Vicenza, alla cooperativa San Gaetano di Thiene e agli Angeli di Mia. Tutte associazioni e gruppi impegnati nella ricerca medica e schierati a fianco di chi soffre a causa di patologie rare e gravi. Filante il tracciato proposto dagli organizzatori che hanno fatto il pieno di iscritti fino all’ultimo, con partenza ritardata per aggiornare la starting list. Nel gruppo brillano i risultati di ViMarathon con tre runner tra i primi dieci (oltre a Pellizzari anche Simone Cortiana e Davide Fontana), il plurimaratoneta thienese Antonio Grotto e il capitano Davide Rossetti, comandante della compagnia carabinieri. In pole position, come un anno fa, Federico Rossi che ha preso parte alla gara con la nuova carrozzina paralimpica. Al termine plausi corali da parte dei runner. E chissenefrega per il ritardo nella compilazione delle classifiche. Correre a perdifiato, a fin di bene, scalda il cuore . • © RIPRODUZIONE RISERVATA