Addio scalo merci Ora le demolizioni Cambia la viabilità

Scattano da domani i lavori di demolizione dei  fabbricati dello Scalo Merci. FOTOSERVIZIO DONOVAN CISCATOGli stabili che verranno abbattuti
Scattano da domani i lavori di demolizione dei fabbricati dello Scalo Merci. FOTOSERVIZIO DONOVAN CISCATOGli stabili che verranno abbattuti
Alessandra Dall'Igna 18.09.2018

Addio all'ex scalo merci: un pezzo della storia di Thiene se ne va per fare spazio a nuove aree commerciali, un parcheggio pubblico e una rinnovata piazza a servizio della stazione ferroviaria. Inizieranno domani i lavori di demolizione dei fabbricati presenti all'interno del perimetro dell'ex scalo merci. Un intervento che dà ufficialmente il via al piano di riqualificazione urbana dell'area di 20 mila metri quadri che si estende da piazza Matteotti alla zona dell'ex Consorzio Agrario. A partire da oggi, e fino al 16 novembre, verranno eseguiti i lavori di costruzione del primo stralcio della nuova rotatoria che fungerà da accesso al polo commerciale, con contestuale demolizione di una porzione di marciapiede di via Vittorio Veneto e l’abbattimento di alcuni alberi. «Finalmente riusciamo a riqualificare anche quest’area importante per lo sviluppo futuro della città - dichiara il sindaco Gianni Casarotto - e a far decollare questo progetto che vede coinvolte aree della Rete Ferroviaria Italiana, Comune e del privato, l’Immobiliare Domus Brenta. Chiedo ai concittadini di pazientare per i disagi che verranno prodotti dal cantiere, ma credo che alla fine il risultato ripagherà abbondantemente». Nella nuova area riqualificata sorgerà un complesso commerciale dove troveranno posto il discount Aldi, il ristorante della catena “Fonzie the Burger's House” e attività direzionali. Verrà servito da un parcheggio regolato a disco orario di 135 posti auto che sarà ad uso pubblico. La viabilità d’accesso sarà garantita da una rotatoria realizzata lungo la provinciale 349, all'altezza dell'incrocio tra le vie Vittorio Veneto, XXV Aprile e Nazario Sauro. L'impianto semaforico che regola il traffico in zona stazione verrà risistemato mentre saranno realizzati nuovi spazi di sosta all’angolo tra via Dante e via Vittorio Veneto. «Interveniamo anche in piazza Matteotti, davanti alla Stazione – precisa Casarotto - perché l’area costituisce un biglietto di visita della città per chi vi arriva in treno. Abbiamo voluto dare la dignità di piazza all’area, abbellendola senza privarla della sua storia». Al Comune il Piano comporterà un beneficio economico pari ad un milione e 200 mila euro, dovuto per 748 mila euro al valore dei 4.600 metri quadri circa di area dell’ex scalo merci che il Comune cede all’Immobiliare Domus Brenta e per 452 mila euro, quale ulteriore beneficio pubblico. Le somme verranno utilizzate per la realizzazione delle opere pubbliche previste dal piano (marciapiedi, verde pubblico, piazza Giacomo Matteotti, realizzazione fontana, parcheggio a servizio degli utenti della Stazione ferroviaria, pista ciclabile). Le rimanenti opere di urbanizzazione quali viabilità, rotonda e parcheggi ad uso pubblico a servizio delle attività commerciali rimarranno in capo alla Domus Brenta. • © RIPRODUZIONE RISERVATA