Schianto in moto
morti sul colpo
marito e moglie

Silvia Zanella e Ivan Savio, i coniugi di Schio morti nell’incidente
Silvia Zanella e Ivan Savio, i coniugi di Schio morti nell’incidente
Matteo Bernardini 08.07.2018

MOENA/SCHIO. Sull’asfalto, lungo la strada che conduce a Moena (in provincia di Trento) ci sono i segni di una frenata disperata, 18 metri, forse anche più, in cui Ivan Savio, 48 anni, di Schio, ha cercato di evitare l’impatto della sua moto con quel Suv nero che stava svoltando per entrare nel parcheggio di un hotel dall’altro lato della carreggiata. Una frenata lunga e tragica, ma purtroppo inutile. Ivan, dopo lo scontro è morto sul colpo e con lui anche la compagna, Silvia Zanella, 49 anni, anche lei di Schio, che viaggiava sul sedile posteriore. La moto della coppia aveva appena superato Moena e stava procedendo in direzione di Predazzo quando, all’improvviso, ha trovato davanti a sé un Suv Touareg Volkswagen che viaggiava in direzione opposta. L’auto stava svoltando alla sua sinistra e, secondo le prime ricostruzioni della polstrada, nella manovra avrebbe invaso la corsia opposta di marcia. La moto, che probabilmente viaggiava a velocità sostenuta, si è quindi trovata addosso, il suv nero. A quel punto impossibile da evitare. Il motociclista ha frenato. Lo ha fatto a fondo: quasi 20 metri per cercare di evitare l’impatto. Ma non c’è stato nulla da fare, la moto si è schiantata contro il Suv. Marito e moglie sono morti nell’impatto, sul colpo. Il conducente del Suv, invece, è uscito indenne dall’abitacolo. Il drammatico incidente, che ha provocato la morte dei due coniugi di Schio, è accaduto ieri sera intorno alle 19.  Alla guida del Suv si trovava un cittadino romeno di 43 anni che lavora come cuoco all’Hotel «Foresta», un quattro stelle in località Forno, a pochi chilometri da Moena.L’impatto è stato violentissimo. Il motociclista ha tentato di evitare la vettura piegando sulla sinistra, ma è andato a sbattere contro la fiancata posteriore della Volkswagen. Ivan Savio e Silvia Zanella sono morti sul colpo.  Sul posto sono anche arrivati gli uomini della Polizia stradale di Predazzo. Saranno loro che ora dovranno ricostruire il sinistro e valutare eventuali responsabilità. 

CORRELATI