Il volo della befana incanta i bambini

La befana sul campanile della chiesa di Santa Maria Immacolata
La befana sul campanile della chiesa di Santa Maria Immacolata
Anna Lirusso 07.01.2019

Come faccia alla sua veneranda età scendere agile e scattante dal campanile della chiesa di Santa Maria Immacolata nessuno lo sa. Di sicuro però, ogni anno, la Befana di Santorso tiene tutti, grandi e piccini, con il naso all’insù e anche un po’ in ansia almeno finché non tocca incolume terra dopo la sua spericolata impresa di free climbing. La vecchina infatti senza la minima esitazione si cala dal campanile con tanto di imbragatura da un’altezza di 40 metri e la sua aggraziata discesa è stata come sempre spettacolare. I mille palloncini colorati che brillavano sotto il cielo terso, l’aria frizzante di inizio anno e le grida festose dei bambini che la incitavano a farsi vedere da vicino e a distribuire dolci e leccornie hanno decretato l’ennesima buona riuscita dell’evento. La manifestazione è frutto della collaborazione tra amministrazione e artigiani e commercianti di Confcommercio e Confartigianato, la protezione civile, l’associazione dei fanti, gli alpini e tanti volontari che ogni anno si impegnano per allestire questo appuntamento che catapulta a Santorso qualche migliaio di persone. In pochi minuti con il suo ingombrante travestimento, la gerla sulle spalle e una corposa dose di coraggio la Befana si cala da quell’altezza vertiginosa, saltellando supera l’antico orologio del campanile e ogni tanto trova il tempo per salutare con la mano i bambini che l’attendono con entusiasmo nel sagrato. Questo già basterebbe per renderli felici ma c’è di più: subito dopo la messa in sicurezza della vecchina, viene il momento tanto atteso della distribuzione a titolo gratuito di un migliaio di calze, confezionate con pazienza e rigorosamente a mano da un gruppo di artigiani e commercianti locali. Panettoni e pandori vengono poi offerti a tutti i partecipanti che si possono scaldare con i 40 litri di cioccolata calda e i 30 litri di vin brulé preparati per l’occasione. La manifestazione “Arriva la Befana” si conclude con l’estrazione dei numeri fortunati della lotteria “I negozi di Santorso ti premiano” che arriva a un montepremi di 1.500 euro spendibili in buoni spesa da 10 euro. «Nonostante qualche chiusura di attività - ha detto Roberto Pozzan caposezione locale Ascom - siamo riusciti a mantenere lo stesso montepremi dell’anno scorso e questo ci rende orgogliosi e felici. Sono 69 i negozi e le attività commerciali di Santorso, contro i 70 dell’anno scorso, che hanno reso possibile questa lotteria: a tutti loro un sentito grazie». Il primo premio da 300 euro è stato assegnato al numero 6661, il secondo da 200 euro al numero 6663 e il terzo da 150 euro al 10022. Gli altri numeri fortunati sono: 5700, 14978, 2219, 4194, 8724, 9338, 9330, 8966, 7230, 8419, 6091. All’evento, giunto alla sua 26esima edizione, presenti anche il sindaco Franco Balzi e il parroco don Livio Dinello che hanno ricordato quanto la solennità dell’Epifania sia un momento dolce e malinconico in cui si celebra anche la Giornata mondiale dell’Infanzia missionaria. • © RIPRODUZIONE RISERVATA