Vampata di fuoco
dal cero votivo
Donna ustionata

L'ospedale di Santorso, dove è stata soccorsa la pensionata
L'ospedale di Santorso, dove è stata soccorsa la pensionata
MA.CA.10.08.2018

SAN VITO DI LEGUZZANO. Cerca di accendere dei ceri votivi, ma viene investita in pieno da una fiammata, rimanendo gravemente ustionata. È quanto accaduto ad un'anziana di 82 anni di San Vito di Leguzzano. Portata all'ospedale di Santorso, la donna è stata trasferita al Centro grandi ustionati di Verona per essere sottoposta alle cure adeguate.

 

Il grave incidente ha coinvolto l'anziana ieri pomeriggio. Al momento resta ancora da definire la dinamica che ha portato al ferimento della donna. In base alle prime ricostruzioni, intorno alle 16 la donna stava accendendo dei ceri votivi. Sembra che, per facilitare l'operazione, l'anziana avesse deciso di utilizzare dell'alcol etilico. Probabilmente è stata proprio questa sostanza a causare la vampata di fuoco. Forse è stata utilizzata una quantità eccessiva del liquido infiammabile, oppure tutto potrebbe essere stato originato da un momento di disattenzione o da una manovra errata dell'anziana. In ogni caso, ad un certo punto si è sviluppata una fiammata che ha investito in pieno la donna. La ferita è stata subito soccorsa: le sue condizioni sono apparse gravi fin dal primo momento.

 

L'anziana è stata trasportata con urgenza all'ospedale Alto Vicentino di Santorso con ustioni di terzo grado al volto e di secondo grado alle braccia e a parte del busto. Di qui la decisione di trasferirla al  Centro grandi ustionati di Verona.