Droga e coltelli nel parco dei bimbi

Rifiuti abbandonati nel parco giochi di via Curtatone dai giovani multati.  FOTOSERVIZIO DONOVAN CISCATO	Pattuglia della polizia locale all’ingresso del parco giochi
Rifiuti abbandonati nel parco giochi di via Curtatone dai giovani multati. FOTOSERVIZIO DONOVAN CISCATO Pattuglia della polizia locale all’ingresso del parco giochi
Mauro Sartori 09.10.2018

Occupano il parco giochi di via Curtatone per fare bisboccia e per scambiarsi e vendere dosi di sostanze stupefacenti. Due diciottenni denunciati (uno aveva con sé un coltello a serramanico) per spaccio e nove multati per abbandono dei rifiuti, in maggioranza minorenni. A far intervenire gli agenti sono stati alcuni residenti, preoccupati del via vai di giovanotti in un’area verde attrezzata in verità per i bimbi e per le famiglie. E intanto un gruppo di cingalesi alticci semina zizzania in centro storico, giusto per non farsi mancare nulla nel giorno di festa. I GIRI SOSPETTI. La segnalazione che qualcosa non quadrava nei movimenti sospetti al parco giochi di via Curtatone, non molto lontano da Porta Venezia , dalla stazione ferroviaria e dell’area commerciale e produttiva di via Paraiso, era giunta al comando di polizia locale consortile ancora a fine agosto. Il comandante Giovanni Scarpellini, la sera del 30 agosto, spedì una pattuglia per un primo blitz. Un giovane venne trovato in possesso di nemmeno due grammi di marjiuana e segnalato come consumatore. Passa poco più di un mese e i residenti si accorgono che i movimenti sono tornati. Questa volta i controlli della polizia locale scattano alle 16 di domenica. Nel parco stanno bivaccando nove giovani, di cui cinque minorenni. Stanno maneggiando un coltello con 10 centimetri di lama e nel zaino di uno di loro vengono rinvenuti due sacchetti contenenti 27 grammi di marjiuana, un bilancino di precisione. Tanto basta per fare scattare la denuncia per detenzione di droga ai fini di spaccio con l’aggiunta del possesso ingiustificato di un’arma. RIFIUTI SELVAGGI. Se non bastasse, tutti e nove i giovani vengono sanzionati per abbandono di alimenti e bevande varie, quelle che stavano consumando nel festino all’aria aperta, con aggiunta di stupefacenti. La multa a testa è di 50 euro. I due denunciati sono un diciottenne scledense e un coetaneo di origine straniera. I multati sono quattro scledensi e cinque stranieri, sia africani che dei Paesi dell’Est. Pare che alcuni di essi fossero già stati segnalati in occasione degli episodi avvenuti in piazza Falcone e Borsellino questa estate ma che si siano dileguati velocemente alla vista delle divise. L’ipotesi è che si stia allargando il fronte dello spaccio con luoghi di aggregazione che non sono più limitati a Castello e Valletta ma che comprendono anche altre aree verdi, compresi piccoli parchi come quello di via Curtatone destinati ai giochi dei bimbi. VANDALISMI. Peraltro non è stato un fine settimana tranquillo in centro, nonostante non vi fossero particolari manifestazioni di richiamo come nei week end precedenti e in quelli prossimi, ad eccetto della marcia mattutina per la pace, con le vie centrali chiuse per poche ore. Un gruppo di giovani cingalesi è stato identificato e controllato in Castello, dove si era recato dopo aver provocato un po’ di trambusto in centro, rovesciando alcune fioriere e facendo danni agli arredi urbani di alcuni negozi. I tipi erano reduci da abbondanti bevute a base di alcolici. Un episodio isolato e che non è collegabile a quanto accaduto di recente in centro. • © RIPRODUZIONE RISERVATA