Verso un museo multimediale «Saprà attrarre più giovani»

Foto di gruppo dopo la premiazione, insieme alla giuria. FADDA
Foto di gruppo dopo la premiazione, insieme alla giuria. FADDA (BATCH)
Antonella Fadda 08.03.2018

Un “contenitore multimediale” per il museo di Sovizzo. Hanno risposto in molti, non solo dall’Italia, al concorso di idee bandito dal Comune, in collaborazione con il Sistema museale Agno-Chiampo per creare un museo innovativo all’interno della bibvlioetca e, di fronte a tanti stimoli, per passare dall’idea alla realtà non c’è che l’imbarazzo della scelta. Il progetto che ha suscitato il maggiore interessa della giuria è quello presentato da due ragazzi pugliesi, Antonio Filippo Tandoi e Ivan Zito. L’idea dei due giovani, consiste nel disporre un sistema di tendaggi a rullo i quali, tramite l’utilizzo di tecnologie multimediali come una app progettata appositamente e proiezioni tridimensionali, raccontino la storia di Sovizzo. L’obiettivo è quello di partire dall’antichità, per arrivare ai nostri giorni facendo immergere lo spettatore nel percorso storico che ha caratterizzato la vita del paese. Grazie poi alla semplice rimozione di questi sipari multimediali si potrà continuare ad utilizzare gli spazi museali per le normali attività. La medaglia d’argento è stata conquistata da due ragazze di Sovizzo, Margherita Cracco e Luisa Zanotto, con un progetto che prevede l’utilizzo di una linea del tempo interattiva che i visitatori possono scorrere e scoprire con uno schermo o su apposite colonnine. A tutto ciò si aggiungono delle tabelle che raccontano la storia di Sovizzo e un plastico dell’area archeologica. Si è classificata al terzo posto la proposta presnetata da Giulia Nelli che ha previsto un allestimento scenografico immersivo, che sia fruibile anche ai non vedenti con pannelli grafici, un tavolo con schermo multi-touch, schede tattili e copie tridimensionali dei reperti archeologici. Una menzione speciale è andata alla proposta di Fabiana Dicuonzo e Giuseppe di Resta con l’idea di uno studio di una linea del tempo interattiva. Le premiazioni si sono svolte nella sede municipale, alla presenza della giuria che ha analizzato tutti gli elaborati provenienti non solo dall’Italia ma anche dalla Svizzera e dall’Asia. Ai primi tre classificati è andato un riconoscimento economico, rispettivamente di 1.700, 800 e 500 euro. «Con questa premiazione – ha detto il sindaco Marilisa Munari - abbiamo voluto dare maggiore risalto al passo finale del concorso di idee. Il nostro obiettivo era quello di conciliare il passato, il presente e il futuro di Sovizzo. Grazie agli aspetti multimediali dei progetti vincitori, il piano terra della biblioteca si avvicinerà ancora di più ai più giovani». «Tutti i candidati hanno dimostrato grande creatività – ha aggiunto Cinzia Rossignoli della Soprintendenza Archeologia del Veneto -. L’intento è che questo museo multimediale diventi un luogo polivalente». Come ha sottolineato Roberto Ghiotto del Sistema Museale Agno-Chiampo lo scopo non era di trovare un progetto finito «Bensì di avere un concreto apporto di idee per la realizzazione. Ne abbiamo trovate di molto interessanti». • © RIPRODUZIONE RISERVATA