Montebello Vicentino Colpo in trattoria Scassinate tre slot e fuga nella notteMontebello Vicentino | Montebello Vicentino

Colpo in trattoria Scassinate tre slot e fuga nella notte

L’ingresso del ristorante La Padana con i segni dello scasso. GUARDA
L’ingresso del ristorante La Padana con i segni dello scasso. GUARDA
Matteo Guarda 01.09.2018

Non si sono fermati nemmeno davanti alle telecamere del cortile, alle robuste inferriate con cui era chiuso il portoncino d’ingresso e ai fumogeni del sistema di allarme, che è scattato tempestivamente appena sono entrati. Nella notte tra giovedì e venerdì, intorno alle 3.30, i ladri hanno messo a segno un furto al ristorante e albergo “La Padana”, in località Fracanzana, lungo la strada regionale 11, in territorio di Montebello, riuscendo a farla franca per un soffio. A essere prese di mira sono state le slot machine elettroniche che sono disposte lungo la parete del salone principale del locale, nella parte adibita a bar. Per entrare i malviventi, che hanno agito l’altra notte, hanno dovuto forzare la serratura del cancello, nonostante fosse dotato di buone sbarre di ferro, per danneggiare con la stessa rapidità, mettendole fuori uso, le telecamere della videosorveglianza di sicurezza. Queste sono puntate verso l’edificio al centro del piazzale dove abitualmente sostano i camion. Una volta all’interno, non si sono fatti intimorire neanche dal fumogeno che è entrato in funzione tempestivamente, innescato dai dispositivi di controllo contro le effrazioni. L’azione è stata veloce e selettiva. In pochi attimi, i responsabili del colpo si sono avventati sulla fila di macchinette videopoker e, avvalendosi di appositi arnesi, del cui uso sono rimaste più tracce, hanno scassinato l’apertura delle prime tre, sulle sei presenti, da cui hanno portato via l’intero incasso di monetine. Per il coordinamento e i tempi in cui è avvenuta l’attività criminosa si suppone che ad agire sia stata una banda specializzata. Tuttavia, i ladri hanno rischiato di essere scoperti e assicurati alla giustizia. Sono riusciti a dileguarsi soltanto pochi momenti prima dell’arrivo delle pattuglie delle forze dell’ordine. «Quando sono arrivato, sul posto c’erano già i carabinieri e la guardia di finanza - racconta Matteo Starace, che aiuta la madre Maria Ghiotto a gestire l’attività di famiglia -. Occorre calcolare che le pattuglie erano già fuori e sono intervenute immediatamente. I carabinieri della locale stazione erano nelle vicinanze per eseguire dei controlli». Difficile dire quanto abbia effettivamente fruttato il raid illecito. La prima stima complessiva del costo sopportato, tra i danneggiamenti subiti che dovranno essere riparati e i valori che i ladri sono riusciti ad arraffare, si aggira sui 10 mila euro, anche se l’esatto ammontare è in questo momento in via di quantificazione. Il ristorante “La Padana”, piuttosto conosciuto dai camionisti in viaggio in direzione del Vicentino e del Veronese, che lì fanno spesso sosta, è stato già altre volte bersaglio dei ladri negli ultimi mesi. «È la terza volta dall’inizio dell’anno che siamo vittima di furti, tentati o riusciti, come in questo caso. Ora siamo stufi. E anche se le volte precedenti i furti non hanno portano al risultato che speravano i ladri a noi però restano sempre tutti i danni». • © RIPRODUZIONE RISERVATA