Medico di frontiera
«Salvo i profughi
dal congelamento»

Il dott. Dagli Orti con alcuni migranti arrivati a Bardonecchia. G.AR.
Il dott. Dagli Orti con alcuni migranti arrivati a Bardonecchia. G.AR.
14.01.2018

SANDRIGO. C'è anche un medico vicentino tra i volontari impegnati ad aiutare i migranti, ormai centinaia, che tentano di oltrepassare la frontiera italo-francese affrontando la Val Susa. Una nuova rotta migratoria dove neve, gelo e fatica possono diventare trappole letali.  Alla stazione ferroviaria di Bardonecchia, punto di ritrovo e poi di partenza dei profughi diretti in Francia, è attiva l'associazione “Rainbow for Africa” di cui fa parte anche il medico ginecologo di Sandrigo Carlino Dagli Orti. I volontari hanno allestito un centro per la gestione dell'emergenza dove vengono distribuiti pasti caldi, medicinali, vestiti e scarpe per chi intende comunque andare avanti, nonostante il pericolo. «Noi li avvertiamo e spieghiamo loro a cosa vanno incontro - racconta - poi se decidono di avventurarsi siamo pronti a soccorrerli».