«Liberare
i due hotel
dai migranti»
Firme al via

18.11.2017

Non più solo una richiesta da parte della politica ma un appello vero e proprio, lanciato dai cittadini, per trovare una soluzione alla questione dell'accoglienza sul territorio sandricense. È stata avviata ufficialmente l’annunciata petizione promossa da un gruppo di abitanti per ottenere, dal prefetto, risposte sullo stallo di circa 200 richiedenti asilo accolti da un paio d'anni nei due alberghi ex Ginia e Canova.

Nella raccolta firme, ribadendo «il valore di convivenza civile dell'accoglienza», i promotori sottolineano la necessità di puntare a un cambio di passo deciso nella gestione dell'emergenza, «arrivando a chiudere gradualmente e secondo un piano temporalmente chiaro e definito, le attuali strutture, anche in forza della scelta Sprar». Di qui anche la richiesta di un incontro urgente con l'Amministrazione comunale, per verificare i «primi e significativi atti in questa direzione». Le adesioni alla petizione, che saranno poi inoltrate in Prefettura, saranno raccolte da volontari in biblioteca e in un banchetto appositamente allestito in piazza a Sandrigo in occasione del mercato settimanale del venerdì e la domenica mattina.G.AR.

CORRELATI