Quindici abusivi al Soco identificati dagli agenti

Parte del materiale sequestrato dalla polizia locale. MARINI
Parte del materiale sequestrato dalla polizia locale. MARINI
Marco Marini 11.09.2018

Marco Marini Vendevano ombrelli, cinture, braccialetti, collanine e altro materiale di scarsissima qualità ai visitatori della Fiera del Soco, spesso con fastidiosa insistenza e, ovviamente, senza uno straccio di licenza o permesso. Si erano organizzati bene i quindici venditori abusivi “itineranti”, tutti di nazionalità senegalese, con regolare permesso di soggiorno e provenienti da Genova, che domenica scorsa sono stati identificati e in alcuni casi sanzionati, dagli agenti della polizia locale del consorzio Avi e Nevi del comandante Giovanni Scarpellini, coordinati dal responsabile del comando locale Paolo Bodo. L’operazione, svolta assieme agli agenti del comandate Paolo Bertozzo del comando di Torri di Quartesolo e agli agenti del consorzio Padova Ovest, è partita a seguito di numerose segnalazioni arrivate sia dagli avventori della fiera, che dagli stessi commercianti. Sembra infatti che gli abusivi avessero scelto come zona “di lavoro” via Mazzini e la centralissima via Roma, importunando i passanti con richieste insistenti di denaro e allontanando i clienti dalle bancarelle, facendo così infuriare i venditori regolari. I quindici senegalesi, tre dei quali colti sul fatto, ovvero durante una vendita, sono stati tutti allontanati dall’area fieristica e il loro materiale sequestrato. Il nuovo sistema di sicurezza della Fiera del Soco, con più agenti impegnati durante la manifestazione e un sistema di videosorveglianza all’avanguardia, sembra dunque funzionare, dopo il fine settimana da tutto esaurito che ha portato a Grisignano già mezzo milione di visitatori provenienti da tutto il Veneto. Nonostante la mole impressionante di persone che hanno pacificamente invaso il territorio grisignanese, non si sono infatti registrati disordini né dal punto di vista viabilistico (con le vie del centro interamente chiuse al traffico), né dell’ordine pubblico. Durante il fine settimana, non sono mancati poi i controlli a seguito dell’ordinanza che vieta la vendita di bevande in bottiglie di vetro all’interno dell’area fieristica, con numerose segnalazioni e verbali staccati contro i trasgressori. • © RIPRODUZIONE RISERVATA