Droga, minacce
e trans nella casa
di appuntamenti

Indagine dei carabinieri di Torri di Quartesolo. ARCHIVIO
Indagine dei carabinieri di Torri di Quartesolo. ARCHIVIO
03.02.2019

GRUMOLO DELLE ABBADESSE. Furto, droga, minacce, prostituzione. Sono questi i contorni torbidi di una vicenda che ha portato i carabinieri di Torri di Quartesolo a denunciare quattro persone. Si tratta di L.D., 20 anni, residente a San Pietro in Gu (Padova), che dovrà rispondere di furto aggravato, tentata estorsione e cessione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti; P.F., 59 anni, di Grumolo delle Abbadesse, per sfruttamento e favoreggiamento della prostituzione; W.A, 35 anni, e R.A., 32 anni, transessuali di nazionalità brasiliana domiciliati rispettivamente ad Altavilla Vicentina e Grumolo delle Abbadesse, denunciati per soggiorno illegale nel territorio dello Stato.

 

A richiedere l'intervento dei militari è stato un 29enne di Nanto. Il giovane nella tarda serata di venerdì 1 febbraio aveva concordato  una prestazione sessuale con i due transessuali, incontrandoli poi in un appartamento di Grumolo delle Abbadesse, di proprietà di P.F., che i due utilizzavano proprio per incontrare i clienti. 

 

Nel corso della serata il 29enne è stato raggiunto da L.D, in precedenza contattato per procurargli della cocaina. Dopo avergliela consegnata gli sottraeva il telefono cellulare, come controvalore per la droga, minacciandolo per la restituzione di consegnare 150 euro. La successiva perquisizione da parte dei militari nell’auto di L.D permetteva di recuperare il telefono cellulare, oltre a della marijuana per la quale veniva inoltre segnalato alla Prefettura di Vicenza quale assuntore di sostanze stupefacenti.

 

I due brasiliani, a conclusione delle attività investigative, sono stati invitati a presentarsi in questura per la regolarizzazione del soggiorno in Italia.