Bolzano e Quinto, via al secondo mandato

La nuova maggioranza per il Galvan bis che torna ad amministrare Bolzano Vicentino.   FOTO COLORFOTOIl Consiglio comunale di Quinto appena insediato. COLORFOTO
La nuova maggioranza per il Galvan bis che torna ad amministrare Bolzano Vicentino. FOTO COLORFOTOIl Consiglio comunale di Quinto appena insediato. COLORFOTO
Andrea Frison 27.06.2018

Tra momenti di commozione e omaggi floreali, hanno preso ufficialmente il via lunedì sera le nuove amministrazioni di Bolzano Vicentino e Quinto, con il giuramento di rito del sindaco, l’insediamento dei consiglieri eletti lo scorso 10 giugno e la presentazione delle rispettive giunte. A Bolzano è toccato a Daniele Galvan aprire i lavori. «La rielezione a sindaco mi riempie di soddisfazione e mi richiama le responsabilità che questo comporta: soddisfare le aspettative dei concittadini che mi hanno dato fiducia dopo cinque anni di sacrifici» – ha esordito il sindaco Daniele Galvan. Presentando la giunta che governerà il paese per i prossimi cinque anni, Galvan ha voluto augurare «buon lavoro alla rappresentanza femminile per la prima volta così numerosa in consiglio comunale». Lo scorso 10 giugno, sono state elette 5 donne su un totale di 12 consiglieri, che il sindaco ha voluto omaggiare con un mazzo di fiori. Di queste, quattro fanno parte del gruppo di maggioranza “Bolzano per tutti” e tre sono entrate in giunta. Si tratta di Raffaella Dal Sasso, la “miss preferenze" della lista Galvan con 91 voti, Samantha Frigo e Marilisa Pettinà, che affiancheranno il vicesindaco Giovanni Calgaro nella squadra formata dal sindaco. «Chissà che fra cinque anni non sia proprio una donna a ricoprire la carica di primo cittadino». Intanto, però, si guarda al presente, anzi, alle elezioni appena concluse «per esprimere un ringraziamento alla mia squadra, alla mia famiglia e ai miei collaboratori» ha continuato Galvan, con la voce spezzata dalla commozione, per poi aggiungere: «Io riparto guardando alla programmazione futura. Il resto fa già parte del passato. Inizieremo a lavorare tutti insieme per Bolzano Vicentino. Al centro di tutto la persona, con tutte le sue esigenze, sia a Bolzano, che a Lisiera e Ospedaletto». Le minoranze, a loro volta, hanno preso la parola, a partire dal “secondo classificato” nella competizione elettorale, Gianluigi Feltrin, candidato sindaco di “Bolzano Futura” ed eletto assieme ad Angela Zanini. «La nostra sarà un’opposizione costruttiva, ha detto Feltrin nel suo breve intervento –. Ci impegneremo come lista di centrodestra a valorizzare il paese, facendoci portatori soprattutto delle istanze dei giovani». Uno spirito costruttivo è stato richiamato anche da Massimo Berdin, candidato sindaco e capogruppo di “Vivere Bolzano”, lista arrivata ultima alle elezioni. Berdin, che siede in consiglio assieme a Massimo Carraro, ha chiesto al sindaco di organizzare un incontro pubblico per informare i cittadini su manutenzioni, ciclabile Lisiera e Ospedaletto e parcheggio in località Crosara. • © RIPRODUZIONE RISERVATA