Tutti in marcia “a rovescio” sui colli

Anche i bambini hanno partecipato alla Passeggiata FOTO  CECCON
Anche i bambini hanno partecipato alla Passeggiata FOTO CECCON
Enrico Saretta 08.10.2018

Le bellezze misquilesi sono state le indiscusse protagoniste della tradizionale passeggiata tra le colline andata in scena ieri mattina. Ben mille e cinquecento i partecipanti, cifra però inferiore rispetto ai circa duemila dell’anno scorso: quest’anno il maltempo di sabato e la frescura mattutina di ieri hanno spinto molti a desistere. Chi c’era, però, non è rimasto deluso, considerato che i percorsi studiati dagli organizzatori hanno permesso di visitare alcuni degli angoli più nascosti di Mussolente e pure i sentieri natura tirati a lucido recentemente. Soddisfatta la presidente della Pro loco Ondina Facchinello, a capo del gruppo di volontari che ha permesso che tutto filasse per il meglio e che anche questa 44ª edizione dell’evento “Passeggiamo tra castagni e olivi” 8º Memorial Lino Sbrissa” non tradisse le attese. «Nonostante il meteo non sia stato dei migliori, l’iniziativa ha comunque avuto un buon seguito - afferma Facchinello -. Hanno partecipato ben 22 gruppi, provenienti da tutto il territorio ma pure da fuori provincia. Non è mancata una comitiva di Giavera del Montello. Abbiamo inoltre deciso di proporre i percorsi “al contrario”, nel senso di marcia, rispetto all’edizione precedente: una piacevole novità. Siamo felici per il clima che si è creato attorno a questa marcia, che resta sempre molto apprezzata per la bellezza dei paesaggi che porta a scoprire». Tra i gruppi, ad accaparrarsi la medaglia per quello più numeroso sono stati i marciatori di Santa Croce, seguiti da quelli di Rossano. Medaglia di bronzo per il gruppo marciatori di Borso. A dare una ventata di allegria ha pensato il gruppo “Bambini a passeggio”. Gruppi e singoli hanno potuto cimentarsi nei quattro percorsi individuati dagli organizzatori: uno facile di 4 chilometri, adatto alle carrozzine, un altro di media difficoltà da 9 chilometri e gli ultimi due, per i camminatori più esperti, da 12 e da 20 chilometri. Chi ha scelto gli itinerari più lunghi ha avuto anche possibilità di ammirare i resti di una trincea risalente alla Prima Guerra Mondiale. È stato questo uno dei passaggi più apprezzati di tutto il tracciato, perché ha permesso di coniugare all’attività all’aperto la conoscenza storica. Le premiazioni si sono svolte infine al parco della Vittoria, alla presenza del vicesindaco Valentina Fietta. • © RIPRODUZIONE RISERVATA