Ok al rinnovo con Etra «Condizioni migliori»

Il Consiglio comunale di Rossano
Il Consiglio comunale di Rossano
Lucio Zonta 02.08.2018

Il rinnovo con l'Etra del contratto per il servizio di raccolta e smaltimento rifiuti solidi urbani fino al 2027 è stato un punto centrale del recente consiglio comunale di Rossano. Per il consigliere di minoranza Davide Pegoraro della lista Trevisan è stata anche l’occasione per sollevare dubbi sulla gestione in proprio da parte del Comune del servizio di bollettazione. Il vicesindaco Davide Berton ha illustrato i vantaggi ottenuti dal Comune con il nuovo accordo, che è stato migliorato nelle condizioni. «L'Etra ha sempre svolto un servizio ottimale - ha affermato il numero due dell'amministrazione comunale rossanese guidata dal sindaco Morena Martini - e nel nuovo accordo sono previsti tra l'altro anche due passaggi annui gratuiti per la raccolta del verde degli spazi comunali e tre raccolte annue, ugualmente gratuite, per la raccolta di rifiuti prodotto nel corso di altrettante manifestazioni pubbliche patrocinate dal nostro Ccomune. L'Etra voleva che il comune gestisse l'ecocentro, che necessita di essere messo a norma, il che avrebbe costituto un aggravio per le nostre spese, ma abbiamo detto di no». «È lodevole il lavoro svolto dagli uffici comunali - ha affermato il consigliere d'opposizione Davide Pegoraro - per la bollettazione "in casa" della tassa sui rifiuti. Mi rendo pure conto del risparmio per i cittadini. Ma se altri comuni copiassero Rossano? L'Etra è un ente delle nostre amministrazioni e temo che azioni analoghe, a lungo termine, potrebbero indebolirlo». «Con Etra, alla quale non abbiamo tolto nulla - ha ribadito il sindaco Morena Martini - abbiamo un rapporto importante, anche se talvolta contrassegnato da incontri aspri. I rossanesi adesso potranno contare su un risparmio del 16% e le attività commerciali, in un anno, possono spendere anche 500 euro in meno. Con Etra si dialoga, ma tenendo conto delle criticità del paese». Assenti, al momento della votazione, Giulia Galvan della maggioranza e Gilberto Trevisan, l'affidamento è passato con otto voti. Tre gli astenuti: Pegoraro, Paola Ganassin e Chiara Berton della Lega. • © RIPRODUZIONE RISERVATA