«Troverò Luciano
sparito 2 anni fa
in montagna»

La comitiva salita sull'Agordino per commemorare Luciano Bizzotto
La comitiva salita sull'Agordino per commemorare Luciano Bizzotto
11.08.2017

ROSÀ. Il tempo trascorre inesorabile, dettando il passo della vita, ma non è in grado di affievolire la speranza di ritrovare una persona scomparsa. Era il 6 agosto del 2015 quando dalla Val di Gares non è più rientrato da un’escursione Luciano Bizzotto, 55 anni, operaio metalmeccanico di Rosà. La moglie Milva Griggion, nonostante la tragedia, non si è mai arresa nel ritrovare il corpo del marito per poter darne degna sepoltura. Con amici e conoscenti, affronta ancora oggi ore di strada e sentieri per tornare sul posto dell’ultimo bacio, sotto la seconda cascata dopo malga Comelle che li ha separati per sempre. E la cascata, con la sua forza ed energia che porta la vita, è il luogo simbolo scelto dalla moglie e dalle tre figlie come luogo per commemorarlo. 
A due anni di distanza, 134 persone tra parenti, amici e colleghi di lavoro della Fratelli Comunello spa si son recati sul posto per un momento di ricordo. 

CORRELATI
Condividi la notizia