Luca, il rock
per vincere
la malattia

La rock-band oltre ai concerti sta preparando anche dei dischi
La rock-band oltre ai concerti sta preparando anche dei dischi
28.04.2018

ROSÀ. Quattro ragazzi e il sogno di vivere della loro musica. Un sogno che non si ferma nemmeno davanti alle avversità, anche quando la vita rivela il suo lato più incomprensibile. Stasera il Vinile di Rosà ospiterà un concerto speciale. Alle 23 saliranno sul palco i Virtual Time, giovane gruppo che ha spiccato il volo sei anni fa da Bassano facendosi conoscere in Italia e all’estero con la sua musica rock. Loro sono Filippo Mocellin, Luca Gazzola, Alessandro Meneghini e Marco Pivato (che ha sostituito da poco Marco Luchini). Presenteranno al pubblico il loro nuovo disco “From the roots to a folded sky”, il primo di cinque album di inediti che la formazione vuole realizzare da qui a un anno, un inno alla musica e alla loro amicizia.
Due anni fa il gruppo era sulla rampa di lancio, con il loro primo disco stavano collezionando concerti in tutta Italia e passaggi in radio. Poi, l’inspiegabile. La malattia improvvisamente è piombata nella vita di Luca, 28 anni, chitarrista e fondatore del gruppo assieme al batterista Alessandro. «Da un giorno all’altro ho iniziato a perdere sensibilità alle gambe e ai piedi – racconta Luca –. I medici non riuscivano a capirne la causa, ma più passavano i giorni più la situazione peggiorava». Il primo ricovero di Luca è stato al San Bassiano, dove gli è stata riscontrata una mielite, malattia infiammatoria del midollo spinale.