Demolita
la primaria
"Pascoli"

Una ruspa all'opera nell'edificio che per oltre 50 anni ha ospitato i bambini rosatesi
Una ruspa all'opera nell'edificio che per oltre 50 anni ha ospitato i bambini rosatesi
 
Elena Rancan31.07.2018

ROSÀ. È iniziato ieri l'abbattimento del padiglione centrale della scuola primaria "Pascoli" di Rosà. Dopo un mese di preparazione, le ruspe sono entrate in azione per demolire il vecchio edificio. All'operazione erano presenti il sindaco Paolo Bordignon, i componenti della Giunta e del Consiglio, tecnici, rappresentanti della ditta e semplici cittadini, incuriositi dalla demolizione di quella che per oltre 50 anni è stata la scuola elementare di generazioni di bambini.Lo scorso anno il Comune di Rosà è stato tra i sei Comuni in Italia beneficiari del contributo dell'8x1000 per interventi di miglioramento sismico ed efficientamento energetico per due padiglioni del corpo centrale della Pascoli. Il finanziamento ricevuto è di un milione e 222 mila euro, per un importo complessivo dei lavori di 3 milioni e 700 mila euro, coperti per la rimanente parte con il 25% da risorse interne relative all'avanzo di amministrazione e l'accensione di un mutuo flessibile.Tale intervento affronterà due aspetti: la messa in sicurezza della struttura portante e l'efficientamento energetico del padiglione centrale della scuola, risalente agli anni '60. Il padiglione che si apre lungo via Mons. Filippi, invece, verrà ricostruito ex-novo, al fine di migliorarne la funzionalità degli spazi. Il cronoprogramma dei lavori prevede gli interventi più impattanti in queste settimane estive, con l'apertura regolare della scuola a settembre e la messa a disposizione degli altri padiglioni con precisi percorsi in sicurezza. Le classi quarte e quinte saranno trasferite negli spazi della vicina scuola secondaria di primo grado "Roncalli". La consegna dei lavori è stimata per settembre del 2019.«Con questo intervento - ha affermato il sindaco Paolo Bordignon - l'Amministrazione conferma la volontà di completare la messa in sicurezza e l'efficientamento energetico di tutte le scuole, per un investimento complessivo di 12 milioni e 643 mila euro, cifra che ci pone all'avanguardia nell'intera Regione»

CORRELATI